Tag: iansante

american sniper

American Sniper il film con Bradley Cooper doppiato da Iansante su Rete 4

American Sniper,  biopic del 2014 di Clint Eastwood con Bradley Cooper, Sienna Miller, Luke Grimes, Kyle Gallner e Sam Jaeger in onda su Rete 4.

iansanteChristian Iansante è la voce di Bradley Cooper alias Chris Kyle.

Chris Kyle, U.S. Navy SEAL, riceve l’incarico di proteggere i suoi commilitoni con una missione in Iraq.

La sua massima precisione salva molte vite sul campo di battaglie.

I racconti sul suo coraggio gli fruttano il soprannome “Leggenda”.

Per questo, velocemente, diventa il maggiore obiettivo dei nemici che mettono una taglia sulla sua testa.

Kyle cerca di essere un buon padre anche a così grande distanza da casa

Dopo quattro anni di missione, Kyle torna a casa dalla moglie, Taya Renae Kyle (Sienna Miller), e dai figli,e  scopre che non riesca e lasciarsi alle spalle la guerra.

American sniper ha vinto l’Oscar  per il Miglior montaggio sonoro ed  era candidato a ben sei premi.

La pellicola, girata interamente in California, tranne per due settimane in cui la troupe ha girato  in Marocco.

American Sniper costato 58 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 547.

Kevin lacZ,  cecchino dei Navy SEAL che ha servito con Kyle, è stato consulente per il film e nel film interpreta se stesso.

Il vero Chris Kyle ha detto una volta che se c’era un regista che avrebbe fatto un film su di lui,  poteva solo essere Clint Eastwood e nessun altro.

L’arma principale di Kyle è il  McMillan TAC-338A  con proiettili calibro 338.

Nel film compare anche Clint Eastwood come comparsa all’inizio del film.

I Navy SEALs che avevano conosciuto Kyle e si sono addestrati con lui hanno apprezzato molto il lavoro fatto da Cooper.

 

The mule con la voce di Christian Iansante su canale 5

The Mule (Il corriere) in onda su Canale 5; la pellicola del 2018 è diretta e interpretata da Clint Eastwood e basata sulla storia vera di Leo Sharp.

iansante Bradley Cooper è l’agente Colin Bates.  Christian Iansante, come di consueto, è la voce italiana di Bradley Cooper

Il film rappresenta il ritorno come attore di Clint Eastwood per la prima volta dopo sei anni.

La pellicola, uscita negli Stati Uniti d’America il 14 dicembre 2018, ha la distribuzione della Warner Bros.

Clint Eastwood interpreta Earl Stone, un uomo di circa 80 anni rimasto solo e al verde, costretto ad affrontare il fallimento della sua impresa, quando gli viene offerto un lavoro per cui è richiesta la sola abilità di guida di un’auto.

Cosa facile ma, a sua insaputa, Earl è appena diventato un corriere della droga di un cartello messicano.

Svolge bene il suo nuovo lavoro, il suo carico aumenta esponenzialmente, e gli assegnano un assistente.

Ma questo non è l’unico a tenere d’occhio Earl: il misterioso nuovo ‘mulo’ della droga finisce anche nel mirino dell’efficiente agente della DEA, Colin Bates.

E anche se i problemi finanziari appartengono ormai al passato, i suoi errori lo fregano.

Il personaggio di  Earl  spinge Eastwood a tornare sullo schermo.

“Leggo  l’articolo del New York Times sull’uomo a cui Earl fa riferimento, e penso che sarebbe stato divertente interpretare quell’età, la mia, direi. Mi piace continuare ad osservare ed apprendere, ed Earl è così.

Più vai avanti, più ti rendi conto di non conoscere tante cose. Quindi, continui ad andare oltre”. 

“La cosa bella di Clint è che a 88 anni doveva recitare come se fosse più vecchio, perché è così virile”, dice  Bradley Cooper, che recita accanto a Eastwood nel film.

Clint si alza da una sedia come un canguro, ma Earl no, quindi è stato divertente vederlo comportarsi come una persona più avanti con gli anni, mentre invece lui stesso è ancora atletico”.

“The Mule” è il quarantasettesimo ruolo da protagonista di Clint Eastwood.

Questa è stata la seconda collaborazione tra Clint Eastwood e Bradley Cooper dopo American Sniper (2014).

“Il corriere – The Mule”, quarto film in cui Marks Alison Eastwood è diretto dal padre Clint Eastwood.

Il cast comprende due vincitori del premio Oscar: Clint Eastwood e Dianne Wiest; e tre candidati all’Oscar: Bradley Cooper, Laurence Fishburne e Andy Garcia.

“Il corriere – The Mule”, costato 50 milioni di dollari, ne ha incassati nel mondo circa 175.

 

Il corto Il vestito con Christian Iansante prosegue la corsa

“Il vestito” il cortometraggio scritto e diretto da Maurizio Ravallese  con Danilo Arena e Christian Iansante continua a ricevere premi e riconoscimenti.

ll corto è candidato come Miglior Corto al Toronto International Nollywood Film Festival.

“Il vestito” ruota attorno a un incrocio di destini:

un giovane immigrato (Danilo Arena), alla ricerca di un abito nuziale, ruba un completo ad uno sposo appena abbandonato all’altare (Christian Iansante).

Per espiare la sua colpa, il ragazzo dovrà vendicare l’uomo che ha derubato.

Si tratta del terzo corto di Maurizio Ravallese, regista, sceneggiatore e produttore romano.

Premiato al Giffoni Young come Miglior Corto Drammatico ed acclamato in oltre 30 festival nazionali e internazionali,

tra cui il South African Film Festival, il Buenos Aires Film Festival, il Buffalo Film Festival e il Reeling di Chicago.

Grazie alla attuale discussione sul Ddl Zan, il film torna di attualità.

“Il vestito” non è che una favola nera: una storia che ben rappresenta l’acceso dibattito inerente al primo vero disegno di legge sui diritti fondamentali di un’intera categoria di persone, tra cui omosessuali e transessuali.

Si tratta di un racconto d’amore con un finale capace di ribaltare molti stereotipi di genere.

Danilo Arena, già protagonista ne “L’oro di famiglia”, è apparso anche in “Romulus” e interprete co-protagonista della nuova stagione della fortunata serie Rai con Francesco Montanari, “Il cacciatore 3”, in uscita il prossimo autunno.

La “sposa tradita” del corto è interpretata da Christian Iansante, attore e doppiatore di star internazionali del calibro di Bradley CooperChristian SlaterSam Rockwell ed Evan McGregor.

 

the wife

 “The Wife – Vivere nell’ombra” su Rai Movie

 “The Wife – Vivere nell’ombra”, il film scritto da Jane Anderson, dal romanzo del 2003 “The Wife” di Meg Wolitzer  va in onda sabato 17 aprile alle 21.20 su Rai Movie (canale 24).

I due protagonisti sono Glenn Close e Jonathan Pryce.

iansanteChristian Iansante nel film è la voce di Christian Slater ( Nathaniel Bone).

Per la sua interpretazione in  “The Wife – Vivere nell’ombra” Glenn Close  ha ricevuto una candidatura all’Oscar per la Migliore attrice protagonista e vinto un Golden Globe come Migliore attrice in un film drammatico.

Il film ottiene 1 candidatura a Premi Oscar, ha vinto un premio ai Golden Globes, 1 candidatura a BAFTA, ha vinto un premio ai Critics Choice Award, ha vinto un premio ai SAG Awards, ha vinto un premio ai Spirit Awards

La pellicola parla della relazione tra lo scrittore  Joe Castleman, il più grande scrittore degli ultimi tempi, e di sua moglie Joan.

La storia prende le mosse nella notte in cui lo scrittore riceve la telefonata che gli annuncia la vittoria del premio Nobel per la letteratura, grazie al suo particolare e rivoluzionario stile di scrittura.

Nel recarsi alla cerimonia dei Nobel Joan ripensa a tutti i sacrifici che ha fatto per aiutare il marito a raggiungere la fama.

In realtà le opere di Joan sono tutte scritte da lei.

Durante gli eventi organizzati per la cerimonia di premiazione Joan decide che è giunto il momento di smettere di fingere e di scendere a compromessi.

Nel film è presente anche la figlia della Close, Annie Starke, che interpreta la giovane Joan.

Sebbene ambientato a Stoccolma, la maggior parte del film è stato girato a Glasgow, Edimburgo e presso la tenuta di Arbigland, nella storica contea di Kirkcudbrightshire, Dumfries e Galloway, in Scozia.

Il processo di sviluppo di questo film è durato quattordici anni.

Iansante pedicini

Pedicini e Iansante al Film Festival Internazionale del Cortometraggio

Ci saranno anche Roberto Pedicini e Christian Iansante al Film Festival Internazionale del Cortometraggio Sa.Fi.Ter. a San Severo, inaugurato ieri sera in Piazza Municipio. I due doppiatori, giurati della sezione Diritti Umani, improvviseranno sul palco alcune battute degli attori a cui prestano la voce al Cinema inaugurando la seconda giornata del Festival. La rassegna è giunta al suo 15° anno ed è diretta da Romeo Conte.