american sniper

American Sniper il film diretto da Clint Eastwood con Bradley Cooper doppiato da Christian Iansante

American Sniper,  biopic del 2014 di Clint Eastwood con Bradley Cooper, Sienna Miller, Luke Grimes, Kyle Gallner e Sam Jaeger diretto da Clint Eastwood.

american sniperChristian Iansante è la voce di Bradley Cooper alias Chris Kyle.

Chris Kyle, U.S. Navy SEAL, riceve l’incarico di proteggere i suoi commilitoni con una missione in Iraq.

La sua massima precisione salva molte vite sul campo di battaglie.

I racconti sul suo coraggio gli fruttano il soprannome “Leggenda”.

Per questo, velocemente, diventa il maggiore obiettivo dei nemici che mettono una taglia sulla sua testa.

Kyle cerca di essere un buon padre anche a così grande distanza da casa

Dopo quattro anni di missione, Kyle torna a casa dalla moglie, Taya Renae Kyle (Sienna Miller), e dai figli,e  scopre che non riesca e lasciarsi alle spalle la guerra.

American sniper ha vinto l’Oscar  per il Miglior montaggio sonoro ed  era candidato a ben sei premi.

La pellicola, girata interamente in California, tranne per due settimane in cui la troupe ha girato  in Marocco.

American Sniper costato 58 milioni di dollari ne ha incassati nel mondo circa 547.

Kevin lacZ,  cecchino dei Navy SEAL che ha servito con Kyle, è stato consulente per il film e nel film interpreta se stesso.

Il vero Chris Kyle ha detto una volta che se c’era un regista che avrebbe fatto un film su di lui,  poteva solo essere Clint Eastwood e nessun altro.

L’arma principale di Kyle è il  McMillan TAC-338A  con proiettili calibro 338.

Nel film compare anche Clint Eastwood come comparsa all’inizio del film.

I Navy SEALs che avevano conosciuto Kyle e si sono addestrati con lui hanno apprezzato molto il lavoro fatto da Cooper.

Il film American Sniper come abbiamo detto è tratto da un libro, scritto da Chris Kyle, libro che a sua volta è tratto da una storia vera, quella della sua vita:

Kyle è passato alla storia come il più grande cecchino del mondo, ed è stato ucciso nel 2013 da un commilitone impazzito presso un poligono di tiro in Texas.

Il cecchino aveva rivelato che se avesse potuto scegliere qualcuno per dirigere un film sulla sua storia, quella persona sarebbe stata senza dubbio Clint Eastwood: il sogno si è avverato.

In American Sniper  Bradley Cooper è dovuto aumentare di 18 kg.
Per fare ciò ha dovuto ingerire circa 8.000 calorie al giorno.
Inoltre l’attore per diversi mesi si è allenato quattro ore al giorno con un personal trainer e ha frequentato
lezioni giornaliere con un vocal coach per perfezionare il suo accento.
Durante le riprese Bradley Cooper ha indossato le vere scarpe appartenute a Kyle e regalategli dalla produzione

 

Sienna Miller per preparare il suo personaggio  ha scritto una e-mail alla vera Taya Kyle e in seguito hanno continuato a comunicare via Skype.

La donna ha anche lasciato che Cooper e la Miller avessero completo accesso alle email che lei e il marito si erano scambiati mentre lui si trovava in missione per capire tutto sulla loro relazione.

green book

Green book è il film diretto da Peter Farrelly con Viggo Mortensen e Mahershala Ali doppiato da Alberto Angrisano

Green book è il film diretto da Peter Farrelly con Viggo Mortensen, Mahershala Ali, Linda Cardellini, Sebastian Maniscalco, P.J. Byrne.

Alberto Angrisano è la voce italiana di Mahershala Ali che nel film è Don Shirley

Green book  è ambientato nell’America degli anni Sessanta e si parla del delicato tema del razzismo e della discriminazione, si racconta una storia vera l’amicizia tra

Don Shirley, pianista e compositore statunitense e Tony Lip,

attore statunitense noto per aver interpretato il ruolo di Carmine Lupertazzi nella serie in onda su HBO, I Soprano.

protagonista Tony Lip, buttafuori italo-americano del Bronx,

che rimasto senza lavoro viene ingaggiato come autista dal pianista di colore Don Shirley, musicista dalla fama mondiale.

Impegnato in un tour da Manhattan a Deep South, il pianista si lascia guidare da Tony, che lungo la traversata in auto si deve affidare a “The Green Book”,

una guida che indica le (poche) strutture lungo il percorso che accettano gli afro-americani.

Un viaggio che scava attraverso le differenze umane più profonde, ispirato alla storia vera di Tony Lip (pseudonimo di Frank Anthony Vallelonga).

Green book  prende il titolo da The Negro Motorist Green Book, una guida turistica pubblicata annualmente dal 1936 al 1966,

che elencava le strutture, come locande, hotel e ristoranti, che ammettevano e servivano clienti di colore.

Il Green Book, come veniva chiamato, fu creato e pubblicato da un postino afroamericano di New York, Victor Hugo Green,

e divenne uno strumento di sopravvivenza indispensabile per gli afroamericani che viaggiano in auto.

Originariamente copriva solo la zona di New York, ma si espanse gradualmente fino a coprire la maggior parte del Nord America, dei Caraibi e delle Bermuda.

Il film ha ottenuto 5 candidature e vinto 3 Premi Oscar, 1 candidatura a David di Donatello, 5 candidature e vinto 3 Golden Globes,

4 candidature e vinto un premio ai BAFTA, 1 candidatura a Razzie Awards, 7 candidature e vinto un premio ai Critics Choice Award,

2 candidature e vinto un premio ai SAG Awards, 1 candidatura a Writers Guild Awards, 1 candidatura a Directors Guild, ha vinto un premio ai Producers Guild,

Il film anche premiato a AFI Awards, In Italia al Box Office Green Book ha incassato 10,2 milioni di euro

 

Viggo Mortensen parla del suo personaggio, Tony : «È il classico uomo che non vorresti far arrabbiare.

Però, per quanto grossolano e forse violento come sembra a prima vista, dimostra di essere un uomo di parola che è davvero perbene.

È un gentiluomo nato, e ha fatto quello che doveva fare per guadagnare un po’ di soldi, sia come buttafuori nei nightclub, che alla guida di un camion della spazzatura, o giocando a carte, qualunque cosa.

È un personaggio con molto carisma e una persona che ha una vera forza di volontà».

Mahershala Ali sul suo personaggio :  «Quello che mi ha davvero incuriosito di lui era quanto fosse complicato.

C’è così tanto da tirare fuori, le cose contro cui ha lottato, le cose in cui ha esibito un grado di eccellenza.

La gamma di cose che avrei dovuto sfidare e affrontare è stata davvero attraente per me».

Alla sceneggiatura di Green Book troviamo Nick Vallelonga, il figlio di Tony Lip, il buttafuori che ha ispirato il film grazie alla sua amicizia con il musicista afroamericano Don Shirley.

Viggo Mortensen per poter vestire al meglio i panni del buttafuori, ha dovuto prendere 20 kg.

 

In tutto il mondo Green Book incassa un totale di 321746514 dollari, di cui 85080171 dollari solo negli Stati Uniti.

Migliore sceneggiatura a Brian Hayes, Peter Farrelly e Nick Vallelonga

una notte da leoni

Una notte da leoni di Todd Phillips con Bradley Cooper doppiato da Iansante

Una notte da leoni  è il film cult diretto da Todd Phillips.

Una notte da leoni è diventato, visto il grande successo ottenuto, una trilogia;

Nel cast ci sono: Bradley Cooper, Ed Helms, Zach Galifianakis, Heather Graham, Justin Bartha.

una notte da leoniChristian Iansante è la voce di Bradley Cooper.

La commedia ha vinto un premio ai Golden Globes, una candidatura a BAFTA, ha vinto un premio ai Critics Choice Award.

Il film è stato premiato a AFI Awards.

In Italia al Box Office Una notte da leoni ha incassato 4,1 milioni di euro.

Doug, due giorni prima del suo matrimonio, con i suoi due migliori amici Phil e Stu, insieme al suo futuro cognato Alan,  va in macchina a Los Angeles per un addio al celibato che giurano di non dimenticare mai.

Ma quando i tre testimoni dello sposo si svegliano l’indomani mattina con un mal di testa atroce, non ricordano più niente.

La loro suite di lusso è completamente distrutta e lo sposo è sparito.

Il trio, che non ricorda più nulla delle notte trascorsa, cerca di risalire ai fatti e ai guai commessi durante la notte.

Fondamentale  sarà ritrovare Doug e riportarlo a Los Angeles in tempo per il suo matrimonio.

La cosa incredibile è che il film, per quanto assurdo possa sembrare s’ispira a fatti realmente accaduti.

Una vicenda simile accadde al produttore Tripp Vinson, il quale in seguito al suo addio al celibato a Las Vegas si risvegliò senza ricordare assolutamente cosa fosse successo al notte prima.

Da non perdere nel film la scena in cui appare Mike Tyson in compagnia di una tigre; l’ex campione nella vita reale possiede sette tigri.

Heather Graham è la spogliarellista Jade.

La parte era stata offerta a Lindsay Lohan. L’attrice, però, aveva rifiutato perché non aveva apprezzato la sceneggiatura ed era convinta che il film sarebbe stato un flop.

Successivamente la Lohan dichiarò di essersi pentita.

Il film ha globalmente incassato circa 467 milioni di dollari,  a fronte di un budget di circa 35 milioni di dollari.

Il secondo film della saga è girato a Bangkok.

Durante le riprese, Bill Clinton arriva a sorpresa sul set.

Il presidente , infatti, è un grande fan del primo film e per questo ha voluto offrire una cena a tutti i protagonisti.

Nel primo film della trilogia è presente una scena nella quale Mr. Chow è completamente nudo.

Le riprese del frammento sono avvenute all’interno di un parcheggio vuoto e il set non ha dato minimamente fastidio a nessuno.

Nonostante ciò, un poliziotto ha intimato alla produzione di bloccare le riprese della scena in questione.

Ancora oggi, non si conosce bene il motivo di tale richiesta.

Bradley Cooper è uno degli attori del film che interpreta un giovane pieno di vizi e di eccessi; quella dell’ubriachezza si è rivelata un’importante prova attoriale per Cooper,

che nella vita reale è astemio da molti anni.

La prima pellicola che compone la trilogia si è rivelata un enorme successo.

Il primo film è stato realizzato con un budget pari a 35 milioni di dollari ed è stato tra i più apprezzati del 2019.

Ha collezionato ben 3.780.345 euro in Italia e 467.483.912 in tutto il mondo

Il grande successo ottenuto dalla pellicola ha spinto la produzione a  realizzare due sequel al film, Una notte da leoni 2 (2011) e Una notte da leoni 3 (2013). .

First Man – Il primo uomo

First Man – Il primo uomo di Damien Chazelle con Ryan Gosling e le voci di Massimiliano Manfredi e Giorgio Borghetti

First Man – Il primo uomo è un film del 2018 diretto da Damien Chazelle e scritto da Josh Singer, con protagonisti Ryan Gosling e Claire Foy.

First Man – Il primo uomoLa pellicola, adattamento cinematografico della biografia ufficiale First Man: The Life of Neil A. Armstrong scritta da James R. Hansen e pubblicata nel 2005,

racconta  la storia di Neil Armstrong, primo uomo a mettere piede sulla Luna, e gli anni precedenti la missione dell’Apollo 11.

Nel cast  di First Man – Il primo uomo con Ryan Gosling e Claire Foyg anche: Corey Stoll, Jason Clarke, Kyle Chandler, Patrick Fugit , Shea Whigham Lukas Haas Ciaran Hinds.

La sceneggiatura è di Josh Singer.

First Man – Il primo uomo è prodotto da Wyck Godfrey, Marty Bowen, Isaac Klausner, Damien Chazelle

mentre i produttori esecutivi sonoSteven Spielberg, Adam Merims, Josh Singer.

La casa di produzione è la Temple Hill Entertainment e la distribuzione in italiano è a cura di Universal Pictures

Massimiliano Manfredi è la voce italiana di Ryan Gosling che nel film è il protagonista Neil Armstrong.

Giorgio Borghetti è la vce italiana di Patrick Fugit che nel film è Elliott See.

 

Anni Settanta. Neil Armstrong, taciturno ed introverso, è un pilota  della NASA che nutre grandi ambizioni nel suo lavoro, ma cerca al contempo di essere il miglior marito e padre possibile.

Il terribile lutto della perdita della figlia gli cambia la vita.

Neil Armstrong entra alla NASA nel 1962.

Dopo una carriera come pilota collaudatore dell’aereo-razzo X-15 Armstrong, assieme a David Scott, aggancia in orbita il modulo Agena nel corso della missione Gemini 8.

Dopo aver ricevuto la notizia della morte dell’equipaggio di Apollo 1 e dopo aver testato, sopravvivendo ad un incidente grazie al seggiolino eiettabile,

il prototipo del modulo lunare, partecipa alla missione Apollo 11 e diviene, il 20 luglio 1969, il primo uomo a mettere piede sulla Luna.

Nel 2003 la Warner Bros. acquista i diritti cinematografici della biografia First Man: The Life of Neil A. Armstrong per farne un film prodotto e diretto da Clint Eastwood.

Successivamente la Universal acquista i diritti pianificando un film biografico intitolato First Man.

Le riprese di First Man – Il primo uomo , il cui budget è stato di 59 milioni di dollari, iniziano  nell’ottobre 2017 ad Atlanta e  terminano nel febbraio 2018.

Alcune sequenze sono  filmate con cineprese IMAX 70 millimetri.

 

Il primo teaser trailer del film si ha,  a sorpresa, da parte  dal regista Chazelle al Las Vegas Cinema il 25 aprile 2018.

Il film presentato in anteprima mondiale come film d’apertura della 75ª edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia il 29 agosto 2018.

A settembre dello stesso anno presentato al Toronto International Film Festival.

La pellicola è  distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 12 ottobre 2018, ed in quelle italiane dal 31 ottobre seguente.

La troupe cinematografica  ha utilizzato numerosi consulenti, ed ha attinto anche alle  esperienze dirette dei familiari e dei collaboratori di Neil Armstrong nelle varie missioni.

Lo stesso Gosling ha avuto la possibilità di confrontarsi conJanet Armstrong, prima moglie di Neil, poco prima che morisse, e con i suoi due figli, Rick e Mark.

Il film negli Stati Uniti è vietato ai minori di 13 anni non accompagnati per il linguaggio a volte considerato non adatto.

First Man non mostra l’iconica situazione in cui Neil Armstrong piazza la bandiera americana sul suolo lunare. Una scelta che è stata molto criticata per mancanza di patriottismo da alcuni.

Ryan Gosling e gli altri interpreti hanno fatto training alla NASA;

in aggiunta, il regista ha mandato a ciascuno di loro dei video YouTube da studiare per imparare il modo di esprimersi e il linguaggio personale delle persone che avrebbero interpretato.

Ryan Gosling è stato invece il primo a scoprire la passione di Neil Armstrong per il theremin, durante un incontro con la famiglia dell’astronauta.

Damien Chazelle e Justin Hurwitz ne furono molto colpiti e inserirono nella colonna sonora di First Man

un brano interamente suonato con questo particolare strumento elettronico.
First Man – Il primo uomo ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui un Golden Globe per la migliore colonna sonora originale,

due Critics’ Choice Awards per il miglior montaggio e la miglior colonna sonora e un Oscar per i migliori effetti visivi.

 

First Man – Il primo uomo è disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Google Play e Amazon Prime Video.

 

ncis

NCIS – Unità anticrimine (NCIS) la serie di Donald P. Bellisario con Angelo Maggi voce di Mark Harmon

 NCIS – Unità anticrimine (NCIS) è la serie televisiva, con diciannove stagioni all’attivo, statunitense creata da Donald P. Bellisario.

NCIS – Unità anticrimine (NCIS)  va in onda dal 23 settembre 2003 su CBS.

ncisDal 2009-10 è la serie televisiva più vista negli Stati Uniti.

Nata come spin-off di JAG – Avvocati in divisa, la serie ha come protagonista la principale squadra di agenti speciali del Naval Criminal Investigative Service (NCIS),

un dipartimento della Marina Militare degli Stati Uniti che si occupa di ogni caso criminale o investigativo

che coinvolga membri del corpo militare stesso.

Nel 2009 la serie ha a sua volta generato un primo spin-off, NCIS: Los Angeles;

un secondo spin-off, NCIS: New Orleans, ha debuttato nel 2014; un terzo spin-off, NCIS: Hawaii, ha debuttato nel 2021.

In Italia la serie è trasmessa dal 10 gennaio 2005 in prima visione da Rai 2.

Angelo Maggi è la voce italiana di  Mark Harmon che nella serie è il protagonista  Leroy Jethro Gibbs.

La serie segue le vicende della principale squadra di agenti speciali dell’agenzia federale Naval Criminal Investigative Service (NCIS),

denominata «Major Case Response Team» (MCRT), con sede al Washington Navy Yard di Washington.

L’NCIS si occupa dei reati più gravi che vedono coinvolti membri o persone legate alla marina degli Stati Uniti o al corpo dei Marines.

Il Major Case Response Team, in particolare, si occupa dei casi più difficili e delicati, quali ad esempio l’omicidio di uomini vicini al Presidente,

morti di celebrità all’interno di basi della marina, minacce terroristiche e rapimenti.

Notizie sul cast di  NCIS – Unità anticrimine (NCIS)

La prima fase del casting si svolse nel marzo 2003, in vista del backdoor pilot che sarebbe stato trasmesso il mese successivo.

Mark Harmon interpreta l’agente speciale Leroy Jethro Gibbs, Michael Weatherly per il ruolo di Anthony DiNozzo,

David McCallum per il ruolo del medico forense Donald “Ducky” Mallard, Pauley Perrette per la specialista forense Abby Sciuto, e

Robyn Lively per interpretare l’agente speciale Vivian Blackadder:

questi personaggi rappresentano lo zoccolo duro della serie, ma anche gli innesti successivi hanno rafforzato il cast rendendolo sempre più gradito al pubblico

Dopo poco Sasha Alexander  è entrata nel cast nei panni dell’agente Caitlin “Kate” Todd, che sostituisce il personaggio dell’agente Vivian Blackadder.

Altro ingresso molto apprezzato è quello di Sean Murray, interprete dell’agente speciale Timothy McGee.

 

Al termine della seconda stagione la Alexander esce dal cast e  nell’autunno 2005 arriva Cote de Pablo che interpreta l’agente Ziva David,

che per questo personaggio ha ricevuto molte candidature a premi prestigiosi che in molti casi ha anche vinto;

la stessa cosa è avvenuta anche per Mark Harmon.

Nello stesso periodo si unì al cast principale anche Lauren Holly, scelta per interpretare il nuovo direttore dell’NCIS, che, fino ad allora, era stato un personaggio secondario.

Nell’estate 2008, dopo l’uscita di scena del personaggio interpretato da Lauren Holly al termine della quinta stagione,

Rocky Carroll entrò nel cast principale come nuovo direttore dell’agenzia Leon Vance

L’ideatore Donald P. Bellisario presenta NCIS – Unità anticrimine (NCIS)   non come una «serie costola», derivante da JAG – Avvocati in divisa, ma come una fiction televisiva completamente nuova e indipendente.

Caratteristica vincente di NCIS – Unità anticrimine (NCIS)   è il suo cast corale Secondo gli attori e i produttori, la forte caratterizzazione dei personaggi e gli elementi umoristici.

 

NCIS – Unità anticrimine (NCIS)  nel 2011 lo definiscono lo “show televisivo preferito di tutti i tempi” dal pubblico statunitense ma  La serie gode di notevole popolarità anche al di fuori del paese di origine.

Curiosità su NCIS – Unità anticrimine (NCIS)

Pauley Perrette è laureata in scienze forensi come Abby, il personaggio che interpreta.

Nella vita reale è bionda: da tempo si tinge i capelli di nero per il ruolo.

Nel 2014 una reazione allergica a una tinta la mandò in ospedale

«Naval Criminal Investigative Service» è un’agenzia vera: ci lavorano 2.500 persone, in gran parte civili, ha sede a Quantico, in Virginia (e quattro uffici in Italia).

Gran parte degli utensili usati da Gibbs nella serie per lavorare alla sua barca in cantina se li porta Harmon da casa.

 

Il creatore e produttore Donald Bellisario lasciò la serie nel 2007 a causa dei litigi con Mark Harmon.

Qualche anno dopo fece causa alla rete Cbs per aver creato lo spin-off «NCIS: Los Angeles» senza il suo permesso.

La musica dei titoli di testa, la stessa dal 2003, è firmata dal trio elettronico Numeriklab.

525.000 dollari è la cifra che prende Mark Harmon per ogni episodio di «NCIS».

the-northman

The Northman il film di Eggers con un super cast e la voce di Angelo Maggi nelle sale

The Northman è il film diretto da Robert Eggers, anche autore della sceneggiatura insieme allo scrittore e poeta islandese Sjón.

Nel cast di The Northman ci sono:  Alexander Skarsgård, Nicole Kidman, Claes Bang, Anya Taylor-Joy, Gustav Lindh.

 

the nortmanAngelo Maggi è la voce italiana di Claes Bang che nel film è Fjölnir.

Il giovane principe Amleth sta per diventare un uomo quando il padre viene brutalmente assassinato da suo zio, che poi rapisce sua madre.

Fuggendo dal regno insulare in barca, il ragazzo giura vendetta.

Due decenni dopo, Amleth è un berserker vichingo che fa irruzione nei villaggi slavi, dove una veggente gli ricorda il suo voto:

vendicare suo padre, salvare sua madre, uccidere suo zio.

Viaggiando su una nave di schiavi verso l’Islanda, Amleth si infiltra nella fattoria di suo zio con l’aiuto di Olga, una donna slava ridotta in schiavitù, e si propone di onorare il suo voto.

Su The Northman dice il protagonista  Alexander Skarsgård «Il mio sogno era di fare un film sui vichinghi.

Ma volevo fosse reale e risultasse un’esperienza immersiva per gli spettatori.

E non riuscivo a pensare a un altro regista per affrontare questo viaggio.

Robert era l’uomo giusto per la meticolosità e l’accuratezza con la quale si approccia al set.

È stata una vera sfida, un modo davvero diverso di fare film.

Tutte le grandi scene d’azione sono in piano sequenza.

 È così che lavorano Robert e il suo direttore della fotografia, Jarin Blaschke.

È eccitante perché nessuno fa film d’azione in questo modo

“The Northman” è stata la prima volta che ho lavorato a qualcosa di così meticolosamente stilizzato,

e dovevi quasi vederlo come una danza tra la telecamera e gli attori,

perché la telecamera era costantemente in movimento, e anche noi.

Se i tempi erano leggermente sfasati, allora dovevamo ricominciare.

Non sono mai stato così stanco come dopo quei sei mesi…

Girare tutto in una inquadratura significa fare questa ripresa di quattro minuti, e poi

un cavallo in fondo allo sfondo appare nel modo sbagliato e devi fare tutto di nuovo…

Sei così esausto che ti viene da piangere.

Ti senti come se avessi finalmente risolto tutta la coreografia del combattimento, ma poi devi andare ancora e ancora e ancora.

C’è sempre qualcosa in sottofondo che non andava bene.

Il rovescio della medaglia è che quando finalmente lo ottieni, sembra di vincere l’oro alle Olimpiadi” ».

Nell’ottobre 2019 esce l’annuncio che Robert Eggers avrebbe diretto un’epica saga di vendetta vichinga, scritta insieme a Sjón.

Il film era ufficialmente in preparazione nel dicembre 2019 e le riprese dovevano iniziare  a Belfast nel 2020.

Nel settembre 2020, Bill Skarsgård ha annunciato di aver abbandonato il progetto a causa di conflitti di programmazione, e in seguito è stato sostituito da Gustav Lindh.

Le riprese dovevano iniziare nel marzo 2020, ma sono state interrotte a causa della pandemia di COVID-19.

Sono quindi iniziate nell’agosto successivo a Torr Head, nella contea di Antrim, e a Ballygally, nei pressi di Larne in Irlanda del Nord.

A settembre la troupe ha girato a Capo Malin, nella pittoresca penisola di Inishowen nella contea di Donegal, in Irlanda.

Le riprese sono finite all’inizio di dicembre.

Il budget è stato di 90 milioni di dollari.

 

 

Downton Abbey 2 – Una nuova era il film di Curtis nelle sale con le voci di Lavagnino, Degli Innocenti e Maggi

Downton Abbey 2 – Una nuova era il film diretto da Simon Curtis nelle sale dal 28 aprile.

Per il film Downton Abbey 2 – Una nuova era  torna ancora una volta alla scrittura il creatore della serie tv originale Julian Fellowes.

downton-abbey-ii-una-nuova-era_DhQUpXmDownton Abbey 2 – Una nuova era  ha un cast formato da :

Hugh Bonneville, Laura Carmichael, Jim Carter, Brendan Coyle, Michelle Dockery, Hugh Dancy, Kevin Doyle, Joanne Froggatt,

Robert James-Collier, Allen Leech, Phyllis Logan, Elizabeth McGovern, Sophie McShera, Tuppence Middleton, Lesley Nicol, Maggie Smith,

Imelda Staunton, Penelope Wilton, Laura Haddock, Nathalie Baye, Dominic West, Samantha Bond

Downton Abbey 2  doveva uscire per Natale 2021, poi a marzo 2022 ed ora è nelle sale.

 

Andrea Lavagnino è la voce italiana di Hugh Dancy che nel film è  Jack Barber.

Benedetta Degli Innocenti è la voce italiana di Michelle Dockery che nel film è  Lady Mary Talbot.

Angelo Maggi è la voce italiana di Dominic West che nel film è  Guy Dexter.

Il soggetto di Downton Abbey 2 – Una nuova era   è quello della serie televisiva creata da Julian Fellowes

La sceneggiatura è di Julian Fellowes che produce anche il film con Gareth Neame, Liz Trubridge

La casa di produzione è la Carnival Film con Focus Features con la distribuzione in italiano a cura di Universal Pictures.

Dopo l’uscita del primo film nel 2019, lo sceneggiatore Julian Fellowes aveva immediatamente annunciato l’intenzione di realizzare anche un sequel.

Nel gennaio 2020 fu annunciato che Fellowes avrebbe cominciato a lavorare alla sceneggiatura una volta ultimata la stesura della serie televisiva The Gilded Age e,

a  settembre dello stesso anno, l’attore Jim Carter annunciò che la sceneggiatura era stata completata.

Il mese successivo l’attore Hugh Bonneville dichiarò durante un’intervista per BBC Radio 2 che non appena il cast e la troupe avessero ricevuto il vaccino anti COVID-19 le riprese sarebbe iniziate.

Il titolo del film è stato annunciato il 25 agosto 2021.

Le riprese principali si sono svolte nell’Hampshire tra l’aprile e l’agosto 2021.

Downton Abbey 2 è il sequel di Downton Abbey, basato sull’omonima e popolare serie TV britannica, ambientata all’inizio del XX Secolo nello Yorkshire.

Nella splendida tenuta di Downton Abbey, situata nella campagna inglese, s’intrecciano le vicende della famiglia Crawley con quelle della sua servitù.

Mentre la villa è in pieno subbuglio a causa dei preparativi per il matrimonio di Tom Branson

(Allen Leech) e della signorina Lucy Smith (Tuppence Middleton), ex cameriera,

Lady Violet Crawley Grantham (Maggie Smith) riceve in eredità una villa nel sud della Francia.

Riunita la famiglia, l’anziana Violet spiega come questa dimora, nota come Villa delle Colombe, le sia stata donata in gioventù da un uomo,

con cui ha avuto una storia d’amore, prima di conoscere il suo futuro marito.

Ora che il suo giovane amore è morto, la villa, ormai non più segreta, è passata di proprietà alla signora, che decide di recarvisi per un soggiorno,

accompagnata da una parte della famiglia e dagli immancabili e fedeli servi, Mr. Carson (Jim Carter) e Mrs. Hughes (Phyllis Logan).

Nel frattempo a Downton Abbey si respira una ventata di modernità con l’arrivo del produttore Jack Barber

(Hugh Dancy) e della sua troupe cinematografica,

pronta a girare un film all’interno del lussuoso palazzo con l’appoggio di Lady Mary 

(Michelle Dockery).

Non mancheranno di certo gli intrighi e i misteri, come quello sul passato di Lady Violet.

 

Alla fine del primo film era chiaro che Mary stava prendendo il controllo a Downton.  – dice Julian Fellowes, sceneggiatore – E questo è un tema che ci accompagna per tutto il corso del secondo film.

Con il produttore  Gareth Neame abbiamo cominciato a pensare a Downton circa 12 anni fa e Simon fa parte della struttura interna di questo progetto da allora,

 come tutti i partner centrali della squadra e del cast, inclusa mia moglie.

Simon ha uno spiccato senso della narrazione, che è sempre un dono utile, ma con Downton è essenziale per la natura narrativa multipla delle sceneggiature.

Alcune storie sono grandi e corrono per tutto il film, altre sono piuttosto brevi e raccontate in tre scene solamente.

 In ogni caso, tutte le storie sono interconnesse.

Ci sono molte scene che servono più di una storia.

E questo è il motivo per cui, quando facciamo la lettura del copione all’inizio della produzione, dico sempre agli attori di prendersi la responsabilità della loro propria storia.

 

Castle è la serie di Andrew W. Marlowe con Stana Katic e Nathan Fillion doppiato da Andrea Lavagnino

Castle è una serie televisiva statunitense trasmessa da ABC dal 2009 al 2016 per otto stagioni.

La serie Castle  è creata da Andrew W. Marlowe, ed è interpretata da Nathan Fillion e Stana Katic.

Castle va in onda in Italia in prima visione satellitare dai canali di Fox Italia dal 16 ottobre 2009

(con il titolo Castle – Detective tra le righe per le prime due stagioni, poi con il titolo originale Castle), e successivamente in chiaro da Rai 2 dal 10 gennaio 2010.

Andrea Lavagnino è la voce italiana di Nathan Fillion che nella serie è Richard Castle.

Richard Castle, famoso e acclamato scrittore di libri gialli,

viene contattato dal New York City Police Department per aiutare la detective della Squadra Omicidi Kate Beckett a risolvere un caso che sembra copiato dalla trama di un suo romanzo.

Collaborando, i due riescono a risolvere l’omicidio e Castle, contento dell’esperienza fatta, chiede all’amico sindaco il permesso di affiancare la detective Beckett in pianta stabile

come consulente della polizia e di seguire i suoi casi, rendendosi spesso decisivo per la loro soluzione.

Tuttavia Castle e la Beckett sono molto diversi tra di loro: Castle è una persona fuori dagli schemi ed entusiasta di questa nuova esperienza lavorativa,

mentre Kate è una donna più tranquilla e riservata che intraprese anni prima la carriera di poliziotta per risolvere l’omicidio della madre, rimasto ancora insoluto.

Allo stesso tempo, Castle decide di prendere a modello proprio la detective per creare la nuova protagonista dei suoi romanzi, Nikki Heat.

Con il tempo, Castle e Kate diventano amici e, pur negando reciprocamente l’argomento, la loro relazione è sempre sul punto di sfociare in qualcosa di più profondo.

 

Non è affatto facile girare le puntate della serie infatti, come affermato dal protagonista Nathan Fillion in un’intervista,

spesso, infatti,  le riprese della serie si protraggono fino a 14 ore al giorno, e capita che si lavori sul set anche il sabato.

Inoltre, nonostante la serie sia ambientata a New York, le riprese avvengono a Los Angeles;

a New York è stato girato, nel 2009, solamente l’episodio pilota della serie.

 

Heat Wave, lo pseudobiblion scritto dal protagonista Richard Castle nella finzione della prima stagione di Castle, è stato realmente pubblicato ed ha ottenuto un bel successo.

La stessa operazione è stata fatta per il suo secondo pseudobiblion, Naked Heat,

i cui primi capitoli sono stati pubblicati sul sito del network ed è poi stato distribuito sul mercato statunitense il 28 settembre 2010.

Il 20 settembre 2011 è uscito negli Stati Uniti il terzo pseudobiblion di Richard Castle, Heat Rises ed ha ottenuto un ottimo piazzamento nelle classifiche di vendite dei libri.

Il 18 settembre 2012 è stato pubblicato negli Stati Uniti il quarto pseudobiblion improntato sulla serie televisiva, Frozen Heat, che ha esordito al settimo posto della “New York Times Best Seller List”.

Tutti gli pseudobiblion di Richard Castle sono tradotti e pubblicati in Italia da Fazi Editore.

Graphic Novel

Nel maggio 2011 la ABC ha siglato una partnership con la Marvel Comics per la realizzazione di un romanzo a fumetti incentrato sulle avventure di Derrick Storm,

che, come detto, è  il primo protagonista degli pseudobiblion di Richard Castle. D

a questo accordo è nata Deadly Storm, una graphic novel scritta da Brian Michael Bendis e Kelly Sue DeConnick .

Nel 2014 la GameMill Entertainment ha pubblicato il videogioco Castle – Never Judge a Book by Its Cover, che vede la coppia Castle-Beckett indagare per fermare un serial killer.

Curiosità:

Il creatore dello show, Andrew W. Marlowe,  si allontanò dopo la sesta stagione, lasciando la serie nella sua posizione più precaria di sempre dopo il finale completamente divisivo per il pubblico.

Stana Katic è stata scelta tra oltre 140 attrici per il ruolo di Beckett.

A Stana Katic non è stato chiesto di tornare per un’ipotetica nona stagione.

Nathan Fillion ha guadagnato molto negli anni, ma è con questa  serie  che il suo patrimonio è veramente cresciuto, raggiungendo la cifra di circa 18 milioni.

La longevità della serie ha inoltre permesso a Fillion di diventare uno degli attori più pagati della TV.

Nathan Fillion, aveva un difficile rapporto con la sua co-protagonista.

Secondo una fonte l’attrice e Fillion non si sopportavano, generando continuamente un clima di tensione che ha portato infine lei ad abbandonare lo show.

Tutte le stagioni di Castle disponibili  su Amazon prime video.

 

troy

Troy è il film di Wolfang Petersen con Brad Pitt e Orlando Bloom doppiato da Massimiliano Manfredi

Troy è il film del 2004 diretto da Wolfgang Petersen.

Il cast di Troy racchiude il gotha degli attori, ci sono infatti:

Brad Pitt, Eric Bana, Orlando Bloom, Diane Kruger, Sean Bean, Brian Cox, Peter O’Toole,

Brendan Gleeson, Saffron Burrows, Rose Byrne, Julie Christie, Garrett Hedlund, Adoni Maropis, Tyler Mane,

James Cosmo, Julian Glover, Owain Yeoman, Alex King, Trevor Eve.

troyMassimiliano Manfredi è la voce italiana di Orlando Bloom che nel film è Paride.

Troy è scritto da David Benioff con la fotografia di Roger Pratt, il montaggio di  Peter Honess,

le musiche di Gabriel Yared, James Horner

La produzione di Troy è a cura di Wolfgang Petersen, Diana Rathbun, Colin Wilson

Costato all’incirca 185 milioni di dollari, Troy divenne uno dei maggiori successi del suo anno arrivando a guadagnarne circa 500 in tutto il mondo.

La storia si svolge intorno al 1200 a.C., quando tutte le città-stato della Grecia sono sotto il controllo dell’avido re acheo Agamennone.

Solo una di queste rifugge da lui, ed è la potente città di Troia che, grazie alle sue potenti mura difensive, è da sempre rimasta inviolata.

Agamennone per ampliare il suo potere, sfrutta il tradimento subito da Menelao e dichiara guerra alla città.

Il fratello del re, infatti, è stato privato della bella moglie Elena, fuggita a Troia con il principe Paride.

Per riparare a questo torto, un enorme flotta di achei intraprende la sua marcia verso la potente città nemica.

Il re Priamo, sapendo di vere al suo fianco il valoroso figlio, Paride, non teme l’imminente attacco

Ma con gli achei è partito anche il temibile Achille un  semidio in cerca di gloria eterna, quasi totalmente immortale.

Achille, infatti, è l’arma vincente dei greci invieranno alla conquista di Troia.

Eric Bana e Brad Pitt non hanno usato controfigure per il loro duello.

I due attori si sono accordati per risarcirsi a vicenda per ogni ferita che si sarebbero incidentalmente fatti: 100 dollari per un colpo grave, 50 per un danno lieve.

Alla fine delle riprese Pitt doveva a Bana ben 750 dollari mentre l’attore di origini balcaniche non doveva nulla al collega.

Brad Pitt si è allenato intensamente per sei mesi in modo da ottenere un fisico che somigliasse a quello delle statue greche.

Inoltre Pitt si è strappato il tendine d’Achille durante le riprese.

Pitt ha anche dichiarato che girare questo film è stato una tortura per lui, visto che ha dovuto smettere di fumare durante la lavorazione.

Orlando Bloom ha dichiarato di aver odiato il suo personaggio e che considera Paride “un codardo e un idiota”.

Le maggiori critiche ricevute da Troy sono legate alle sue enormi differenze con il poema di Omero.

Le  scene in esterni sono state girate tra Malta, Marocco e Messico, mentre i set interni sono stati allestiti negli Shepperton Studios, nel Regno Unito.

In realtà, in Marocco dovevano essere girate molte più scene, ma le tensioni internazionali dovute alla Guerra in Iraq costrinsero la produzione a spostarsi a Baja California Sur, in Messico.

Il cavallo di Troia utilizzato nel film non è andato perso.

La produzione ha deciso di donarlo al governo turco e, infatti, ora è esposto sul lungomare di Canakkale, cittadina balneare che dista solo un’ora dal sito archeologico di Troia.

Per rendere più credibili le scene di battaglia tra troiani e greci,

Petersen arruolò 300 comparse maschili – tutte di nazionalità bulgara – e le portò direttamente in Messico, facendole addestrare a dovere per i combattimenti.

Ciò, ovviamente, fece lievitare i costi di produzione.

Delle tante nomination per diversi premi, Troy ha ricevuto solo l’Oscar per i migliori costumi.

Notevoli differenze si ritrovano nello svolgimento della battaglia tra Achille e Ettore.

Nel poema i due si incontrano quasi casualmente, mentre nel film si dichiarano apertamente battaglia uno contro uno.

Ulteriori differenze si ritrovano circa la fine di alcuni personaggi:

Paride, ad esempio, nel film non muore e riesce a fuggire con Elena.

Nel poema, invece, quest’ultima decide di tornare a Sparta con Menelao.

Ancora, differenti rispetto all‘Iliade sono le sorti del re Priamo, del guerriero Aiace e del celebre Patroclo.

Una delle più evidenti differenze, tuttavia, è quella relativa alla durata della guerra.

Troy è visibile su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete in particolare si trova su : Rakuten Tv, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes, Netflix, Amazon Prime Video e Tim Vision.