the conjuring

The Conjuring è il film diretto da James Wan con Vera Farmiga e Patrick Wilson doppiato da Massimiliano Manfredi

 The Conjuring è il film diretto da James Wan, primo capitolo di una serie cinematografica.

Soggetto e la sceneggiatura di The Conjuring sono di Chad e Carey Hayes

Mentre i produttori sono: Rob Cowan, Tony DeRosa-Grund, Peter Safran quelli esecutivi sono: Walter Hamada, Dave Neustadter.

the conjuringLe case di produzione sono: Evergreen Media Group, New Line Cinema, The Safran Company

La distribuzione in italiano è a cura di: Warner Bros. Pictures

Nel cast di The Conjuring ci sono: Vera Farmiga, Patrick Wilson, Lili Taylor, Ron Livingston, Mackenzie Foy, Joey King.

The Conjuring va  in onda il 22 febbraio alle ore 21.15 su Italia 2.

Massimiliano Manfredi è la voce italiana di Patrick Wilson che nel film è Ed Warren.

1971 i coniugi Carolyn e Roger Perron si trasferiscono con le loro cinque figlie in un’accogliente casa di campagna, ad Harrisville.

Ma in questa casa accadono strani fenomeni che culminano in veri e propri attacchi da parte di spiriti maligni ai danni della famiglia.

Per cercare di liberarsi dal male che abita in quelle mura, i Perron decidono di rivolgersi ai demonologi Ed Lorraine Warren.

Giunti sul luogo, i due dovranno cercare di risalire alla storia che si nasconde dietro quella casa, scoprendo verità terribili.

I due esperti scoprono la presenza della vecchia proprietaria, uccisasi perché accusata di stregoneria.

 

La vera famiglia Perron era presente sul set durante le riprese.

Tanti gli episodi strani presenti durante la lavorazione del film:

quando la Farmiga ha accettato la parte sul suo computer comparvero strani graffi.

Diverse persone si svegliavano tra le 3 e 4 del mattino da sempre note da sempre come le ore delle streghe.

Carolyn Perron, mentre la sua famiglia è sul set, cade e si frattura l’anca.

Pur avendo visitato molte case la produzione ha deciso di costruire ex novo la casa, di due piani, che ha ospitato le riprese.

Oltre la casa hanno costruito l’albero di 15 metri diventato simbolo del film.

La famiglia Perron rimase nella casa infestata per dieci anni.

Non da subito hanno sentito l’intensa attività demoniaca ma questa è aumentata visibilmente quando hanno acceso i camini e aperto la cantina.

La vera Lorraine Warren fa un cameo al quarantaquattresimo minuto: è la signora in prima fila nella scena in cui Carolyn sta ascoltando la presentazione degli Warren.

– I Warren hanno conservato alcuni manufatti delle loro indagini in una stanza d’archivio, tra cui la bambola Annabelle che ha ispirato uno dei film.

city hunter

City Hunter The Movie: Angel Dust con la regia di Kenji Kodama e Kazuyoshi Takeuch in sala il 19, 20, 21 febbraio con la voce di Scattorin

City Hunter The Movie: Angel Dust è il film diretto da Kenji Kodama e Kazuyoshi Takeuchi,

che arriverà in Italia nelle sale per tre soli giorni il 19, 20 e 21 febbraio 2024.

Il film è tratto dal manga di Tsukasa Hojo.

La sceneggiatura è di Yasuyuki Mutou.

city hunter Sunrise e The Answer Studio hanno lavorato alla produzione e realizzazione di City Hunter The Movie: Angel Dust.

La Fotografia è di Shinji Saitô, il montaggio di Daisuke Imaie e le musiche di Taku Iwasaki.

Lorenzo Scattorin è la voce italiana di Pirarucù.

Quando la video creator Angie bussa all’agenzia investigativa City Hunter in cerca di un gatto scomparso,

Ryo Saeba e Kaori Makimura pensano di avere un caso semplice fra le mani.

Un attentato alla vita di Angie cambia però le carte in tavola, lasciando Ryo nel mirino di misteriosi sicari sulle tracce di Angel Dust, una tecnologia militare in grado di creare super soldati.

Sotto l’occhio del padre adottivo Kaibara, Ryo dovrà fare i conti con un passato da cui troppo a lungo ha tentato di fuggire.

In City Hunter the Movie: Angel Dust, una tecnologia oscura chiamata “Angel Dust” trasforma chi la assume in un super soldato e attira l’attenzione di un gruppo di misteriosi sicari,

che arriva a Tokyo per mettere le mani sull’ultima versione dell’arma.

La lotta per questa pericolosa invenzione, che in passato è costata la vita al partner di Ryo Saeba, Makimura Hideyuki,

trascinerà il duo City Hunter all’interno di una storia adrenalinica e ricca di scene d’azione al cardiopalma, dove non mancheranno quei momenti esilaranti in cui “lo spirito dell’alzabandiera”

si impadronirà pericolosamente dell’amato sweeper di Tokyo.

Per fortuna che, a tenere a bada i bollenti spiriti, ci sarà il famoso martellone di Kaori che regalerà ai fan gustosi sketch e momenti di puro divertimento.

Il personaggio di Ryo Saeba che arriva al cinema è importante, come racconta il maestro Hojo: “Un uomo che nasconde ciò che pensa davvero.

Ho sempre provato a creare una certa dualità con questo personaggio, rendendolo molto diretto nei momenti divertenti.

Quando però è serio, ho sempre limitato di proposito il numero delle battute che pronuncia, così che i lettori non sapessero (cosa pensa).

L’idea è sempre di stimolare l’immaginazione del lettore e rafforzare la complessità del personaggio. Questo contrasto è molto importante per me”.

 

serendipity

Quando l’amore è magia – Serendipity il film con John Cusack doppiato da Massimiliano Manfredi in programma per San Valentino

Quando l’amore è magia – Serendipity è un film del 2001 diretto da Peter Chelsom, scritto da Marc Klein.

La produzione del film è di la produzione firmata da Simon Fields e Robert Levy.

Quando l’amore è magia – Serendipity ha il montaggio di Christopher Greenbury e

le musiche del il compositore e direttore d’orchestra statunitense Alan Silvestri.

serendipityIl film è in onda  su Sky cinema romance il 14 febbraio alle 10.25 e su La 5 venerdì 16 alle 21.10.

Nel cast di Quando l’amore è magia – Serendipity ci sono:

John Cusack, Kate Beckinsale, Jeremy Piven, Bridget Moynahan, Eugene Levy, Lilli Lavine.

Massimiliano Manfredi è la voce italiana di John Cusack che nel film è  Jonathan Trager.

Sara e Jonathan sono giovani impegnati in un relazione con i rispettivi partner e alle prese con i primi acquisti natalizi.

I due si incontrano proprio dentro di magazzino e scatta il colpo di fulmine che li porta però a prendere ad una strana decisione:

scrivono i loro numeri su un un dollaro e su un vecchio libro, dunque, se sarà destino, si rincontreranno anni dopo.

Quando l’amore è magia – Serendipity  è  prodotto in USA nel 2001 e la durata è di 90 minuti circa.

John Cusack e Kate Beckinsale, nonostante fossero i due protagonisti della commedia,

hanno lavorato assieme soltanto per pochi giorni:

i loro due personaggi, infatti, non condividono quasi mai la scena nel corso del film.

Il caratteristico drink bevuto da Sara e Jonathan nel ristorante Serendipity 3 sulla 68esima strada è il Frozen Hot Chocolate.

Il locale che dà il nome al film, Serendipity 3, si trova sì a New York city e si trova sulla sulla 60esima.

 

Kate Beckinsale e Molly Shannon avrebbero voluto girare loro le scene più pericolose ma così non è stato.

John Corbett, che nel film interpreta il primo fidanzato di Sara, troverà il successo con Il mio grosso grasso matrimonio greco e soprattutto con il ruolo di Aidan accanto a Sarah Jessica Parker in Sex and the city.

A causa degli attentati dell’11 settembre 2001, il film non ha più le immagini delle Torri gemelle nella versione definitiva.

Il film è pieno di citazioni classiche a pellicole o romanzi intramontabili come Il Padrino, Peter Pan o Il Mago di Oz.

Al Box Office Usa Quando l’amore è magia – Serendipity ha incassato nelle prime 12 settimane di programmazione 50,2 milioni di dollari e 13,3 milioni di dollari nel primo weekend.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

rick and Morty7

Rick and Morty 7 è in arrivo su Netflix con Christian Iansante che doppia il protagonista Rick

Rick and Morty 7, la fortunata serie animata andata in onda negli Stati Uniti da ottobre 2023, approda su Netflix l’8 febbraio.

La serie è creata da Justin Roiland e Dan Harmon, per Adult Swim.

rick and Morty7La voce italiana di Rick in Rick and Morty 7 è quella di Christian Iansante.

La serie nasce dal corto intitolato The Real Animated Adventures of Doc and Mharti di Roiland parodia di Ritorno al futuro con alcune differenze: Doc diventa Rick e Mharti è nella serie Morty.

In origine questo corto era nato per altro ma poi Roiland fu chiamato a Harmon per lavorare per Adult Swim.

 

Come già avvenuto nelle stagioni precedenti di Rick and Morty le puntate che compongono la serie sono dieci.

 

Rick e Morty sono tornati e sembrano più loro stessi che mai!

È la settima stagione e le possibilità sono diventate infinite: che cosa sta succedendo a Jerry? Torneranno mai al liceo?! Forse no!

Ma proviamo a scoprirlo! Lunga vita a Rick e Morty per i prossimi 100 anni! O almeno fino alla stagione 10!

Vale la pena ricordare che alla fine di gennaio 2023 l’emittente Usa Adult Swim ha annunciato la fine della sua collaborazione con Justin Roiland, co-autore di Rick and Morty e voce di entrambi i protagonisti.

Quindi nella stagione 7 ci sono nuove voci per i protagonisti.

Steve Levy (executive producer della serie animata) ha confermato che la scrittura della stagione 8 è stata completata e il lavoro di scrittura sulla stagione 9 è iniziato.

il cinema siete voi.

Il Cinema Siete Voi. è l’iniziativa di FAPAV contro il camcording con le voci di Alberto Angrisano e Christian Iansante

“Il Cinema Siete Voi.” è la prima iniziativa

istituzionale rivolta al grande pubblico contro il camcording,

problema che colpisce 9 film su 10 che escono nelle sale cinematografiche.

il cinema siete voi“Il Cinema Siete Voi” è promossa da FAPAV in collaborazione con ANEC, ANICA, MPA ed il supporto di Deluxe.

Alberto Angrisano e Christian Iansante prestano la voce a due spot realizzati per l’iniziativa.

Si tratta di sei spot  che andranno in onda  nelle sale cinematografiche italiane, prima dell’inizio del film,

con l’obiettivo di promuovere una cultura della legalità, coinvolgendo il grande pubblico, responsabilizzandolo,

e diffondendo una sempre maggiore consapevolezza delle forme di reato e dell’impegno civile necessario nel contrasto alla pirateria audiovisiva e nello specifico del camcording.

La campagna prende il via in un momento strategico per il nostro Paese, in seguito all’approvazione del Disegno di Legge Antipirateria

che, tra le altre misure, prevede il riconoscimento del camcording come reato contro il Diritto d’Autore.

Un traguardo legislativo importante” – ha sottolineato ilPresidente FAPAV Federico Bagnoli Rossi –

Nonostante la modalità prevalente della pirateria audiovisiva sia quella digitale, non bisogna dimenticare che la fonte principale,

per quanto riguarda le nuove uscite cinematografiche, è spesso il camcording, ossia l’illecita registrazione in sala dell’audio o del video di film,

che viene successivamente immesso online sulle piattaforme illegali”.

L’iniziativa “Il Cinema Siete Voi.” mette a disposizione degli esercenti sei spot da trenta secondi declinati per generi cinematografici (Animazione, Cinema d’autore, Fantascienza, Horror, Storico, Supereroi)

e con la partecipazione straordinaria, come detto,  di alcune delle più note voci del doppiaggio italiano con  Alberto Angrisano e Christian Iansante anche Paola Del Bosco, Perla Liberatori, Valentina Mari e Francesco Pezzulli.

La campagna si rivolge agli spettatori, quali nuovi eroi del nostro cinema che, tutelando la legalità, salvaguardano il futuro dell’industria e proteggono le storie e le emozioni che ci appassionano.

La pirateria continua a rappresentare una grave minaccia per la nostra comunità audiovisiva globale, danneggiando film e imprese di tutte le dimensioni e nazionalità” – ha dichiarato il Presidente FAPAV.

Il rischio è che in futuro ci saranno sempre meno film da vedere, con gravi conseguenze anche per quanto riguarda il tessuto occupazionale del comparto audiovisivo.

Per questo è importante agire ora e coinvolgere lo spettatore, sottolineando l’importanza del suo ruolo e ringraziandolo per aver scelto di vedere il film legalmente”.

“Il Cinema Siete Voi.”, annunciata a Riccione a Ciné,  presentata ufficialmente a Sorrento in occasione dell’ultima edizione delle Giornate Professionali di Cinema.

castle

“Castle” è la serie di Andrew W. Marlowe con Stana Katic e Nathan Fillion doppiato da Andrea Lavagnino

Castle è una serie televisiva statunitense trasmessa da ABC dal 2009 al 2016 per otto stagioni.

La serie Castle  è creata da Andrew W. Marlowe, ed è interpretata da Nathan Fillion e Stana Katic.

Castle va in onda in Italia in prima visione satellitare dai canali di Fox Italia dal 16 ottobre 2009.

(con il titolo Castle – Detective tra le righe per le prime due stagioni, poi con il titolo originale Castle), e successivamente in chiaro da Rai 2 dal 10 gennaio 2010.

castleAndrea Lavagnino è la voce italiana di Nathan Fillion che nella serie è Richard Castle.

Richard Castle, famoso e acclamato scrittore di libri gialli,

viene contattato dal New York City Police Department per aiutare la detective della Squadra Omicidi Kate Beckett a risolvere un caso che sembra copiato dalla trama di un suo romanzo.

Collaborando, i due riescono a risolvere l’omicidio e Castle, contento dell’esperienza fatta, chiede all’amico sindaco il permesso di affiancare la detective Beckett in pianta stabile

come consulente della polizia e di seguire i suoi casi, rendendosi spesso decisivo per la loro soluzione.

Tuttavia Castle e la Beckett sono molto diversi tra di loro: Castle è una persona fuori dagli schemi ed entusiasta di questa nuova esperienza lavorativa,

mentre Kate è una donna più tranquilla e riservata che intraprese anni prima la carriera di poliziotta per risolvere l’omicidio della madre, rimasto ancora insoluto.

Allo stesso tempo, Castle decide di prendere a modello proprio la detective per creare la nuova protagonista dei suoi romanzi, Nikki Heat.

Con il tempo, Castle e Kate diventano amici e, pur negando reciprocamente l’argomento, la loro relazione è sempre sul punto di sfociare in qualcosa di più profondo.

 

Non è affatto facile girare le puntate della serie infatti, come affermato dal protagonista Nathan Fillion in un’intervista,

spesso, infatti,  le riprese della serie si protraggono fino a 14 ore al giorno, e capita che si lavori sul set anche il sabato.

Inoltre, nonostante la serie sia ambientata a New York, le riprese avvengono a Los Angeles;

a New York è stato girato, nel 2009, solamente l’episodio pilota della serie.

 

Heat Wave, lo pseudobiblion scritto dal protagonista Richard Castle nella finzione della prima stagione di Castle, è stato realmente pubblicato ed ha ottenuto un bel successo.

La stessa operazione è stata fatta per il suo secondo pseudobiblion, Naked Heat,

i cui primi capitoli sono stati pubblicati sul sito del network ed è poi stato distribuito sul mercato statunitense il 28 settembre 2010.

Il 20 settembre 2011 è uscito negli Stati Uniti il terzo pseudobiblion di Richard Castle, Heat Rises ed ha ottenuto un ottimo piazzamento nelle classifiche di vendite dei libri.

Il 18 settembre 2012 è stato pubblicato negli Stati Uniti il quarto pseudobiblion improntato sulla serie televisiva, Frozen Heat, che ha esordito al settimo posto della “New York Times Best Seller List”.

Tutti gli pseudobiblion di Richard Castle sono tradotti e pubblicati in Italia da Fazi Editore.

Graphic Novel

Nel maggio 2011 la ABC ha siglato una partnership con la Marvel Comics per la realizzazione di un romanzo a fumetti incentrato sulle avventure di Derrick Storm,

che, come detto, è  il primo protagonista degli pseudobiblion di Richard Castle. D

a questo accordo è nata Deadly Storm, una graphic novel scritta da Brian Michael Bendis e Kelly Sue DeConnick .

Nel 2014 la GameMill Entertainment ha pubblicato il videogioco Castle – Never Judge a Book by Its Cover, che vede la coppia Castle-Beckett indagare per fermare un serial killer.

Curiosità:

Il creatore dello show, Andrew W. Marlowe,  si allontanò dopo la sesta stagione, lasciando la serie nella sua posizione più precaria di sempre dopo il finale completamente divisivo per il pubblico.

Stana Katic è stata scelta tra oltre 140 attrici per il ruolo di Beckett.

A Stana Katic non è stato chiesto di tornare per un’ipotetica nona stagione.

Nathan Fillion ha guadagnato molto negli anni, ma è con questa  serie  che il suo patrimonio è veramente cresciuto, raggiungendo la cifra di circa 18 milioni.

La longevità della serie ha inoltre permesso a Fillion di diventare uno degli attori più pagati della TV.

Nathan Fillion, aveva un difficile rapporto con la sua co-protagonista.

Secondo una fonte l’attrice e Fillion non si sopportavano, generando continuamente un clima di tensione che ha portato infine lei ad abbandonare lo show.

Tutte le stagioni di Castle disponibili  su Amazon prime video.

 

the terminal

The Terminal diretto da Steven Spielberg con Tom Hanks doppiato da Angelo Maggi in onda sul 27

The Terminal è il film  diretto da Steven Spielberg con sceneggiatura di Sacha Gervasi, Jeff Nathanson da un soggetto di Andrew Niccol, Sacha Gervasi.

Il film è prodotto da Steven Spielberg, Walter F. Parkes, Laurie MacDonald.

the terminalNel cast ci sono: Tom Hanks, Catherine Zeta-Jones,

Stanley Tucci, Chi McBride, Diego Luna, Barry Shabaka Henley.

Angelo Maggi è la voce italiana di Tom Hanks che nel film è Viktor Navorski.

The terminal va in onda domenica 21 gennaio  sul 27 alle 21.10.

Viktor Navorski giunge all’aeroporto J.F. Kennedy di New York dalla Krakozhia, un piccolo stato sorto dalla frantumazione dell’Urss.

Nel momento in cui giunge al desk dei visti viene però bloccato.

In Patria c’è stato un colpo di stato.

Il nuovo regime non viene riconosciuto dagli Stati Uniti e quindi lui non può entrare in America. Benché il responsabile dell’aeroporto,

in attesa di un’ispezione per passaggio di grado, a un certo punto lo spinga ad infrangere la legge Viktor non esce dal terminal

che diventa la sua casa in attesa di poter realizzare il sogno per cui è giunto negli States.

Il film è ispirato alla storia vera del rifugiato iraniano Mehran Karimi Nasseri:

giunto nel 1988 all’aeroporto di Parigi “Charles de Gaulle”,

dopo essersi visto rifiutare il visto di ingresso dal Regno Unito a seguito del furto del suo passaporto, le opportunità offerte dalle autorità francesi furono due:

il rimpatrio o la permanenza in Francia.

Mehran Karimi Nasseri ha vissuto nel “Terminal 1” dell’aeroporto della capitale francese sino ad agosto 2006.

Sembra che Steven Spielberg abbia versato all’iraniano circa 300mila dollari per poter portare sulla scena la sua storia.

 

L’aeroporto  dove Spielberg ha girato alcune scene di The terminal è  il Mirabel International Airport di Montreal in Canada.

La maggior parte delle riprese si svolsero tuttavia in un set appositamente realizzato all’interno di un hangar a Palmdale.

L’inno della fittizia Repubblica di Krakozhia è in realtà l’inno albanese il cui testo sono una sequela di suoni non-sense che non provengono da nessuna lingua.

La lingua che invece Viktor parla lungo l’arco del film è bulgaro mentre il testo dei materiali editoriali che si porta dietro è russo.

La patente che esibisce in una scena è una vera patente di guida bielorussa rilasciata nel 1995.

Il film prevedeva un finale differente (nel quale Amelia andava a New York con Viktor),

ma le anteprime presso il pubblico convinsero Spielberg a girarne un altro.

La ragazza che Viktor cerca di aiutare mentre ha problemi evidenti con la sua valigia è Sasha Spielberg, la figlia del regista.

The Terminal è stato presentato fuori concorso e come “evento speciale” alla 61ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

la casa degli oggetti

“La casa degli oggetti” diretto da Jorge Dorado con Alvaro Morte doppiato da Andrea Lavagnino in onda su Sky e su Now

QuiLa casa degli oggetti è il film diretto da Jorge Dorado, in onda su Sky e in streaming su Now.

Nel cast de La casa degli oggetti ci sono:

Alvaro Morte, Marìa Eugenia Suárez e Verónica Echegui, Andy Gorostiaga, Daniel Aráoz, Selva Alemán, Zorion Egileor (Andrés).

la casa degli oggettiAndrea Lavagnino è il doppiatore italiano di Alvaro Morte che nel film è il protagonista Mario.

Mario lavora come ufficiale di polizia municipale in un grande magazzino di oggetti smarriti dove custodisce ogni tipo di ritrovamento che nei decenni si è accumulato.

Da quando ha deciso di allontanarsi il più possibile dalle persone, Mario dedica tutto il suo tempo libero a cercare di capire a chi appartenessero gli oggetti

per restituire ai legittimi proprietari quelli che reputa frammenti perduti delle loro vite.

Solo Helena una giovane poliziotta che visita spesso il magazzino, è riuscita leggermente a penetrare la sua corazza.

Un giorno, al magazzino, arriva una valigia recuperata dal fondo di un fiume. Al suo interno trova vestiti da neonato insieme a resti umani.

Ancora una volta, Mario decide di indagare da solo e, seguendo le tracce della valigia, arriva a Sara (China Suarez),

una giovane intrappolata fin da bambina in un’organizzazione di traffico di esseri umani, una rete criminale che tratta le persone come se fossero oggetti…

 

Il regista sul film dichiara:

La casa degli oggetti è un thriller il cui protagonista è un uomo comune, amante dei film di Humphrey Bogart e dei romanzi polizieschi”

La casa degli oggetti, invece, mi offre l’opportunità di andare oltre il film di genere, con questo uomo comune il cui percorso segue gli angoli più oscuri dell’anima umana,

con un approccio sia fisico che emotivo.

Il film è una storia poliziesca, ma è anche una storia d’amore e redenzione.

È un’avventura che diventa pian piano un gioco di specchi e che farà riflettere gli spettatori su un tema sempre attuale: trattare una persona come un oggetto.

È un thriller emotivo con un sottotesto di paura e solitudine ma anche di bisogno d’amore.

Il messaggio che vorrei trasmettere da questa storia oscura è il seguente:

 non è mai troppo tardi per trovare la felicità e liberarsi dagli altri.

Il mio obiettivo è stato fare un film commerciale che si impegnava anche a sensibilizzare il pubblico su questo tema.

 Un film che toccava la coscienza degli spettatori, anche se solo per un’ora e mezza”.

 

Sul suo personaggio Alvaro Morte dichiara:

“È un ragazzo molto egocentrico, che lavora in questo ufficio oggetti smarriti, che vuole sistemare.

Mario è ossessionato dall’aggiustare le cose, riportandole nei suoi sogni, perché capisce che c’è una connessione emotiva con quegli oggetti.

Gli riesce più facile relazionarsi con gli oggetti che con le altre persone”.

All’improvviso gli cade tra le mani questa valigia con alcuni resti decomposti.

E quando la polizia si rifiuta di indagare, lui comincia una indagine da solo.

Quindi incontra tutta una rete di persone che rendono le persone oggetti.

E finisce per diventare una persona a metà tra l’eroe e l’antieroe, che va avanti.

 C’è una cosa che mi piace davvero ed è che, essendo solo nella vita, ha un carattere come un personaggio dei film western: è lui contro tutti.

Perché capisce che, anche se è solo, il mondo è brutto e deve cercare di migliorarlo”.

 

È il primo che si rompe e non riesce a rimettersi in sesto. Né riesce a fuggire da quella prigione psicologica che si è costruito.

Ecco perché penso che il film parli anche della liberazione, non solo delle persone detenute contro la loro volontà, ma delle prigioni che noi stessi creiamo“.

will hunting

Will Hunting – Genio Ribelle il film con Robin Williams e Matt Damon doppiato da Christian Iansante

 Will Hunting – Genio Ribelle, film cult del 1997.

will huntingIl film, vincitore di due Premi Oscar, va in onda su Italia 1 alle 21.25.

Nel cast di Will Hunting – Genio Ribelle ci sono: Robin Williams, Matt Damon, Ben Affleck, Cole Hauser,

Stellan Skarsgard, Casey Affleck,

Minnie Driver, George Plimpton,

John Mighton, Rachel Majowski, Francesco Clemente, Colleen McCauley.

 Christian Iansante doppia Matt Damon che nel film è Will il protagonista.

 Will Hunting – Genio Ribelle racconta la storia di Will Hunting, ragazzo prodigio che, però, guadagna qualcosa facendo le pulizie all’interno del M.I.T. di Boston e

passa le sue giornate con i suoi amici bevendo birra e spesso finendo coinvolto in risse da strada.

Un giorno riesce a risolvere un complesso esercizio di matematica, mai completato dagli studenti dell’Istituto.

Questo lo porterà sia a frequentare i corsi di matematica, sia a incontrare uno psicologo, Sean Maguire.

Per il ruolo di Sean Maguire,

Robin Williams si aggiudicò l’Oscar del 1998 come‘Miglior attore non protagonista.

La storia è ambientata a  Boston, ma la maggior parte delle scene furono girate a Toronto.

Anche gli ambienti interni del MIT e dell’Università di Harvard appartengono in realtà all’Università di Toronto.

La famosa scena della panchina con Matt Damon e Robin Williams la girarono davanti a più di 3000 passanti, che si fermarono ad assistere incuriositi.

 

 

assassinio sull'orient express

Assassinio sull’Orient Express di Kenneth Branagh con la voce di Benedetta Degli Innocenti in onda su Rai 4

Assassinio sull’Orient Express è il film diretto e interpretato da Kenneth Branagh.

il film è basato sull’omonimo romanzo del 1934 di Agatha Christie.

E’ la seconda trasposizione cinematografica del libro dopo quella omonima del 1974 diretta da Sidney Lumet.

Assassinio sull’Orient Express è scritto da Michael Green e prodotto da Branagh,

Ridley Scott (con la sua Scott Free Productions), Mark Gordon e Simon Kinberg.

assassinio sull'orient expressIl film va in onda il 2 gennaio alle 21.10 su Rai 4.

Il favoloso cast di Assassinio sull’Orient Express è composto da: Kenneth Branagh, Penélope Cruz, Willem Dafoe, Judi Dench, Johnny Depp.

Josh Gad, Leslie Odom Jr., Michelle Pfeiffer, Daisy Ridley, Michael Peña, Marwan Kenzari, Tom Bateman, Derek Jacobi, Lucy Boynton

 

Benedetta Degli Innocenti è la voce italiana di Daisy Ridley che nel film è  Mary Debenham.

Dopo aver risolto un misterioso caso di furto a Gerusalemme, l’investigatore Hercule Poirot decide di prendersi un periodo di vacanza e sale a bordo del famoso treno Orient Express.

Il detective condivide il viaggio con un gruppo di pittoreschi viaggiatori e quando uno di loro viene ritrovato ucciso si trova ancora una volta ad indagare per scoprire l’identità dell’assassino.

Poirot scopre che ognuno dei passeggeri nasconde un segreto e arrivare alla verità sarà questa volta molto più complicato del solito.

E’ il quarto adattamento del romanzo della Christie, dopo il lungometraggio del 1974 di Sidney Lumet, un film per la TV del 2001 e un episodio del 2010 della serie Agatha Christie’s Poirot.

Hercule Poirot è uno dei personaggi più celebri ideati da Agatha Christie ed è presente in 33 romanzi e in oltre 50 racconti.

I produttori Mark Gordon e Simon Kinberg per ottenere i diritti del romanzo hanno impiegato cinque anni.

Il pronipote di Agatha Christie, nonché Presidente della Agatha Christie Ltd, James Prichard, ha approvato la scelta di Branagh che commenta così:

Ho visto i film di Ken fin da quando ero ragazzo e il suo ‘Enrico V’ ha fatto parte del mio percorso universitario,

quindi sapere che un regista così talentuoso e uno fra i migliori attori della sua generazione voleva interpretare Poirot mi ha riempito di orgoglio”.

Branagh  ha fatto una preparazione per il ruolo di Poirot manicale a partire dalla lettura di tutti i romanzi con Poirot protagonista e grande attenzione hanno dedicato ai baffi:

Ci sono voluti svariati mesi per ideare i baffi. L’attività è stata curata da Carol Hemming, responsabile di trucco e acconciature.

La costumista Alex Byrne parla della delicatezza occorsa per fare gli abiti:

“Ancora si riescono a trovare scampoli di tessuti originali degli anni ’30 del ‘900: quando li maneggi, sono lisi e si sgretolano, ma ti danno l’idea del peso del tessuto e del colore da cercare.

Abbiamo anche comprato molti campionari di vecchi tessuti; essendo rimasti chiusi,

le stoffe non si sono scolorite o sciupate e questo è stato un importante riferimento per ciò che intendevamo realizzare.”

Il ballerino classico Sergei Polunin debutta come attore in Assassinio sull’Orient Express

Branagh sulla scelta di usare la pellicola da  65mm dice:

“Questa pellicola assicura un livello di definizione nel colore e nella gamma dei toni e dei contrasti che, per chi ama il cinema, è l’esperienza che maggiormente si avvicina alla visione dell’occhio umano.”

Il film è  girato per lo più nei Longcross Studios, a ovest di Londra.