Tag: martin scorsese

shutter island

Shutter Island di Martin Scorsese con Di Caprio,Kingsley, Von Sydow, Ruffalo e le voci di Maggi e Iansante

 Shutter Island è il film di Martin Scorsese anche regista della pellicola.

shutter islandNel cast di Shutter Island ci sono: Leonardo Di Caprio, Mark Ruffalo, Ben Kingsley, Emily Mortimer, Max von Sydow, Michelle Williams, Ted Levine, Curtiss Cook.

Angelo Maggi è la voce italiana di Ted Levine che nel film è  Warden

Christian Iansante è la voce italiana di Curtiss Cook che nel film è Trey Washington

Shutter Island è ispirato all’omonimo romanzo di Dennis Lehane.

Scorsese sul libro ha dichiarato:

«Ciò che più mi ha attratto della storia,

è stato il suo farmi riflettere su temi importanti come l’essenza dell’essere umano;

mi sono interrogato molto su quanto di violento ci sia in noi, quanta di questa violenza possa essere eliminata

e quale sia il debito da pagare per essa.»

In Shutter island Teddy Daniels e Chuck Aule, due agenti federali, incaricati di trovare Rachel Solando,

una pericolosissima detenuta condannata per omicidio, rinchiusa all’Ashecliff Hospital, ospedale psichiatrico che si trova a Shutter island, al largo di Boston.

Un uragano si abbatte sull’isola e rende le ricerche molto complicate.

I due agenti scoprono che la Solando è stata condannata per omicidio, giudicata colpevole dell’uccisione dei suoi tre figli.

Da molto tempo la donna era in cura dal dottor Cawley, il direttore dell’ospedale.

I due agenti, scoprono che Cawley svolge degli esperimenti sulla psiche umana e l’isola è un luogo dell’orrore.

Teddy capirà ben presto che Shutter Island nasconde i delitti più spaventosi e risveglia i fantasmi che il passato aveva cercato di rimuovere e, forse, non ne uscirà vivo.

Molte le curiosità sul film che ottenne degli incassi notevolissimi già nella prima settimana di programmazione.

Le prime scene girate a Taunton, Massachusetts, riguardano un flashback in cui Teddy Daniels (Leonardo DiCaprio),

è un soldato americano, durante la seconda guerra mondiale, che prende parte all’episodio del massacro di Dachau, avvenuto realmente.

Il manicomio è in realtà l’ospedale di Medfield, sempre nel Massachusetts;

L’isola di Shutter è in realtà l’isola di Peddocks.

Le riprese sono durate quattro mesi nel corso del 2008

 

Mark Ruffalo scrisse una lettera a Scorsese nella quale esprimeva il desideri di lavorare con lui ed ottenne il ruolo!

Martin Scorsese hanno lavorato in Gangs of New York (2002), The Aviator (2004), The Departed – Il bene e il male (2006) e The Wolf of Wall Street (2013) tutti film pluripremiati;

Shutter island non ha ricevuto nemmeno una nomination all’Oscar.

 

Il film è un thriller psicologico che s’ispira molto ai film di Alfred hitchcock, in particolare a Le catene della colpa (1947) e La donna che visse due volte (1958);

pare che Scorsese abbia fatto veder più volte le pellicole alla sua troupe e al cast per fare capire l’ambientazione che voleva per il suo film.

 

Per ricreare l’immagine globale di Shutter island sono state unite Peddocks Island nel porto di Boston nel Massachusetts,

Parco nazionale di Acadia nel Maine, Medfield State Hospital a Medfield, Massachusetts, e la Rice Estate al Turner Hill Country Club di Ipswich.

 

La grande area montuosa dell’isola, vista durante l’avvicinamento del traghetto, è stata aggiunta in post-produzione, e non esiste,

 

ma gli edifici in mattoni in rovina sulle pianure sono vere rovine dell’Isola di Peddocks.

Per il ruolo di Chuck Aule, poi assegnato a Mark Buffalo, Leonardo Di Caprio e Martin Scorsese pensavano a Robert Downey, Jr. e Josh Brolin.

La curiosità ulteriore risiede nel fatto che tutti e tre fanno parte dell’universo Cinematic della Marvel, come Bruce Banner, Iron Man e Thanos.

Sir Ben Kingsley è anche apparso nel Marvel Cinematic Universe come il mandarino di Iron Man 3 (2013).

Il personaggio di Leonardo Di Caprio cita documenti di archivio con “Hoover’s Boys”.

Leo Di Caprio ha interpretato J. Edgar Hoover in J. Edgar (2011) di Clint Eastwood.

Il film svela molto più di quello che si può immaginare;

in esso si lavora sulla mente umana in più piani temporali e il film non è facilmente comprensibile.

Gli attori sono estremamente bravi e  convincenti nella difficile prova.