Autore: Ufficio-Stampa

animali fantastici 3 i segreti di silente

Animali Fantastici 3: I Segreti di Silente con Mads Mikkelsen, Jude Law e la voce di Antilena Nicolizas è nelle sale

Animali Fantastici 3: I Segreti di Silente è il  film diretto da David Yates, terzo capitolo dell’omonima saga prequel di Harry Potter.

l cast di Animali Fantastici 3: I Segreti di Silente è formato da :
Eddie Redmayne, Mads Mikkelsen, Jude Law, Ezra Miller, Katherine Waterston, Alison Sudol, Dan Fogler, Jessica Williams,

Callum Turner, Richard Coyle, Valerie Pachner, Poppy Corby-Tuech, Fiona Glascott, Oliver Masucci

In Animali Fantastici 3: I Segreti di Silente Il professor Albus Silente (Jude Law) sa che il potente mago oscuro Gellert Grindelwald (Mads Mikkelsen) è intenzionato a prendere il controllo del mondo magico.

Non essendo in grado di fermarlo da solo, Silente affida al magizoologo Newt Scamander (Eddie Redmayne) il compito di guidare

un’intrepida squadra di maghi, streghe e un coraggioso Babbano pasticcere in una pericolosa missione,

dove incontrano vecchie e nuove creature e si scontrano con la crescente legione di seguaci di Grindelwald.

Con una posta in gioco così alta, quanto a lungo Silente potrà restare in disparte?

Antilena Nicolizas è la voce italiana di Jessica Williams che nel film è Eulalie “Lally” Hicks.

Nell’ottobre 2014, la Warner Bros. Pictures ha annunciato Animali Fantastici 3: I Segreti di Silente come parte di “almeno” una trilogia incentrata sugli Animali fantastici e

fissando la data del terzo al 20 novembre 2020.

David Yates fu confermato come regista in tutti e tre i film.

 

Nel luglio 2016, Yates confermò che J. K. Rowling aveva già le idee per la sceneggiatura del terzo film.

Yates parlò del film a Entertainment Weekly, dicendo che il film avrebbe preso una nuova direzione rispetto al primo e che avrebbe introdotto nuovi personaggi nell’universo di Harry Potter.

Alcuni mesi più tardi, fu reso noto che la serie cinematografica sugli Animali Fantastici sarebbe stata composta da cinque film e

che Eddie Redmayne avrebbe ripreso il ruolo di Newt Scamander in tutti i film.

 

Johnny Depp, a causa delle sue vicissitudini personali che lo hanno visto coinvolto in una brutta causa per maltrattamenti della moglie, non interpreta più il mago oscuro Grindelwald,

e al suo posto è stato chiamato il grande Mads Mikkelsen;

tuttavia, grazie al suo contratto, Depp, che ha girato una sola scena del film prima di lasciare il progetto, è comunque riuscito a portarsi a casa la bellezza di 16 milioni di dollari.

Steve Kloves, sceneggiatore dell’originale film di Harry Potter,  torna in questo capitolo per la prima volta dopo dieci anni.

Kloves ha aiutato J.K. Rowling, che dopo la pessima accoglienza riservato al capitolo precedente – I crimini di Grindelwald –

ha rinviato di un anno i lavori sul film per avere più tempo per mettere a punto la storia.

Il personaggio Vicência Santos è interpretato da un’attrice brasiliana, Maria Fernanda Candido, una superstar nel suo paese.

Con una durata di 2 ore e 22 minuti, Animali fantastici 3: I segreti di Silente sarà il capitolo più lungo della saga.

Mads Mikkelsen, ha interpretato Hannibal Lecter nella serie tv Hannibal.

E’ la quarta volta che la saga di Harry Potter si ‘interseca’ con quella di Hannibal, dato che in passato anche Ralph Fiennes, Gary Oldman e Rhys Ifans hanno avuto ruoli nella serie di JK Rowling.

 

iron man

Iron Man è il film con Robert Downey Jr. nei panni del protagonista doppiato da Angelo Maggi

Iron Man è un  film del 2008 diretto da Jon Favreau.

iron man Nel cast di Iron Man figurano: Robert Downey Jr., Terrence Howard, Jeff Bridges, Shaun Toub, Gwyneth Paltrow.

Anche il regista Jon Favreau recita nel film nei panni di Happy Hogan.

Iron Man  è uscito nelle sale giovedì 1 maggio 2008 distribuito da Universal Pictures.

Angelo Maggi è la voce italiana del protagonista Robert Downey Jr. che nel film è Tony Stark/Iron Man.

 

Tony Stark (Robert Downey Jr.), un inventore miliardario e geniale che è a capo delle Stark Industries, un’importante e nota azienda americana che produce e vende armi militari nel mondo,

soprattutto all’esercito statunitense.

Stark va in una base americana in Afghanistan per mostrare l’enorme potenziale del suo nuovo missile, il Jericho, che riesce a colpire con estrema precisione i nemici.

Sulla strada del ritorno Tony con i suoi collaboratori vengono attaccati da un gruppo di terroristi e lui viene prese in ostaggio.

Nell’imboscata, diverse schegge di una granata vanno a finire nel petto di Stark e,

per evitare che possano raggiungere il cuore, il suo compagno di cella, un fisico di nome Yinsen,

realizza un elettromagnete alimentato da una batteria per auto che non permette ai frammenti di avvicinarsi e colpire il cuore.

I terroristi che lo hanno catturato, lo costringono poi a costruire per loro un missile Jericho e gli mettono a disposizione strumenti e materiali che portano il marchio delle Stark Industries.

Tony, con grande intelligenza, realizza prima un nuovo generatore elettrico per il suo elettromagnete e poi una potente armatura con cui riesce a scappare dalla caverna dove è prigioniero.

Nel desertoritrovano dal suo migliore amico, il colonnello Jim Rhodes, e tornano finalmente in America.

Rientrato negli Stati Uniti, Stark decide di chiudere la divisione produttrice di armi della sua azienda.

Nel frattempo Tony inizia a lavorare giorno e notte nel suo laboratorio per sviluppare e perfezionare un nuovo prototipo della sua armatura dotandola di una tecnologia molto avanzata.

 

Ben presto però Stark, aiutato dalla sua assistente Pepper Potts e da Rhodey, scopre l’esistenza di un complotto interno che potrebbe avere disastrose conseguenze globali.

Tony, Dopo aver indossato la sua armatura rossa e dorata, decide di proteggere il mondo dai criminali e dà vita al suo nuovo e potente alter-ego: Iron Man.

 

Iron Man: curiosità

Il copione non era ancora terminato nel momento in cui sono iniziate le riprese:

avendo già un canovaccio riassuntivo di tutta la vicenda e volendo concentrarsi al meglio sulle scene d’azione, mancavano letteralmente diversi dialoghi.

Questo ha portato gli attori a improvvisarne moltissimi con buona pace del regista che ha incoraggiato ciò in modo che tutto risultasse più naturale.

Robert Downey Jr. ha apprezzato molto la possibilità di improvvisare e, anzi,

ha spesso chiesto di poter fare più take di una stessa scena in modo che potesse sperimentare diverse soluzioni che man mano gli venivano in mente.

Al contrario, Gwyneth Paltrow ha faticato non poco a stargli dietro perché non sapeva mai cosa potesse dire il collega.

Nell’universo Marvel dei fumetti, Jarvis è il maggiordomo di Tony Stark prima e degli Avengers poi.

In questo film è stato trasformato in un’intelligenza artificiale (chiamata J. A. R. V. I. S.) per dare a Stark un aspetto ancora più hi-tech e,

soprattutto, per evitare ogni genere di paragone con Alfred, il maggiordomo di Batman.

Paul Bettany, che interpreta attualmente Visione nei film sugli Avengers e che in originale era la voce di J. A. R. V. I. S.,

ha dichiarato che non ha mai visto Iron Man per intero, non ne ricorda la trama e che prestare la sua voce all’AI di Tony Stark è stato un lavoro talmente semplice che gli è quasi sembrato di rubare.

Di fatto, ha registrato tutte le sue battute in due ore.

 

Jon Favreau ha dichiarato di aver voluto a tutti i costi Robert Downey Jr per interpretare Tony/Iron Man:

“Robert ha portato al personaggio una profondità che va ben oltre rispetto a cose come andare male al liceo o non riuscire a conquistare una ragazza”.

Jeff Bridges ha dichiarato di aver fatto inizialmente molta fatica nel recitare in un film in cui il copione o non esisteva, o era frammentario, perché ama arrivare sul set preparatissimo.

L’armatura di Iron Man è composta da più di 400 componenti distinte.

Robert Downey Jr, nonostante gli studios gli avessero detto che non era strettamente necessario,

si è sentito in dovere di prepararsi anche fisicamente per la parte e

si è sottoposto a uno stretto regime di allenamenti che prevedeva cinque giorni a settimana di arti marziali.

L’attore pensava infatti che per vestire i panni di un supereroe, per quanto dotato di armatura, fosse necessario essere molto in forma dal punto di vista fisico.

Robert Downey Jr ha parlato così di quello che, negli ultimi dieci anni, è diventato il suo personaggio più iconico:

 “È stata una sfida. Bisognava trasformare un ricco cog***ne, costruttore di armi, forte bevitore, sciupafemmine incallito e

socialmente classista in una persona che non solo piaccia alla gente ma sia anche un eroe”.

Il film ha ottenuto 2 candidature a Premi Oscar, 1 candidatura a Critics Choice Award, 1 candidatura a SAG Awards.

Il film  premiato a AFI Awards, In Italia al Box Office Iron Man ha incassato 6,9 milioni di euro .

 

sara vitagliano

Intervista alla doppiatrice Sara Vitagliano vincitrice di un premio speciale al Gran premio del doppiaggio

Sara Vitagliano giovane doppiatrice di grande talento riceve una menzione speciale alla tredicesima edizione del Gran premio del doppiaggio

che si è svolta al teatro Eliseo dopo due anni di stop a causa della pandemia.

sara vitaglianoSara Vitagliano è stata una delle allieve della nostra Accademia.

Sara Vitagliano hai ricevuto una menzione speciale del pubblico social, una bella soddisfazione in una serata dove i migliori doppiatori si sono ritrovati, che cosa hai provato?

È stata un’emozione incredibile.

Esattamente cinque anni fa ero seduta tra il pubblico insieme ai miei amici e colleghi ad ammirare le nostre voci preferite salire sul palco,

quest’anno essere stata scelta dal pubblico e salire su quel palco  mi riempie di orgoglio e soddisfazione.

Non ci sono davvero parole per descrivere lo stupore e la meraviglia di quel momento.

Perché ha scelto il doppiaggio ed, in particolare, l’Accademia del doppiaggio?

Ho scelto il doppiaggio perché è un’arte che mi ha sempre affascinato.

La possibilità e la magia di poter essere ogni giorno una persona diversa è molto divertente e stimolante,  credo che poter andare a lavorare con il sorriso sia il vero segreto della vita.

Ho scelto l’accademia del doppiaggio perché consigliata da un allievo degli anni precedenti al mio e sicuramente per l’ammirazione dei confronti dei doppiatori Cristian Iansante e Roberto Pedicini.

Quanto è difficile questo mestiere?

È un mestiere bellissimo, ma come tutti i lavori artistici richiede tanto impegno e sacrificio.

La passione, la costanza e la determinazione  sono una componente fondamentale per andare avanti e poter crescere.

È difficile solo se non si crede nelle proprie capacità e si ha fretta di arrivare alla meta.

Ogni lavorazione  ha le sue difficoltà.

Bisogna capire quale strada prendere per affrontarle.

L’esperienza in questo campo più difficile quale è stata?

Sicuramente partecipare alla serie “Squid Game” è stata un’ avventura impegnativa:

restituire certe emozioni ad un personaggio così complesso in una lingua molto distante dalla nostra ha richiesto molta attenzione e concentrazione.

Hai un modello di riferimento?

Sono cresciuta con la voce di Maria Pia Di Meo nei miei film preferiti “A piedi nudi nel Parco” in cui presta la voce a Jane Fonda o “ La casa degli spiriti” con la magnifica Meryl Streep.

La voce di Cristina Boraschi in “Pretty Woman” con l’incredibile Julia Roberts.

Che ricordo hai dei maestri incontrati in Accademia?

Tutti molto belli anche se, come dicevo, non è un mestiere facile e quindi bisogna applicarsi molto.

I maestri dell’Accademia ci spronano a fare  questo e, soprattutto, sono dei gran professionisti che ti insegnano il mestiere e ad esso ti fanno appassionare.

 

 

 

 

 

 

Karas la serie OAV diretta da Keiichi Satō doppiata in italiano con Lorenzo Scattorin

Karas la serie OAV sarà doppiata in italiano.

Karas, infatti, è in arrivo su Anime Generation e per la prima volta, come detto, sarà in italiano.

karasL’autore di Karas è Shin Yoshida per la regia di Keiichi Satō.

Karas è distribuita sia in Giappone che negli USA e in Australia, dove si mostra una combinazione di stili fra cui spicca un uso della computer grafica.

La serie racconta di supereroi per celebrare il quarantesimo anno del genere.

Karas mescola elementi di fantascienza e del genere noir al soprannaturale delle tradizionali leggende nipponiche.

Lorenzo Scattorin doppia Wanioudo.

 

La sceneggiatura di Karas è di Shin Yoshida, mentre del character design si è occupato Kenji Hayama.

Le musiche per la colonna sonora sono invece composte da Yoshihiro Ike.

Tokyo. Una città caotica che assorbe completamente delle persone e ne influenza il modo di vivere.

Gli abitanti della città però non sanno che accanto a loro coesiste un mondo sovrannaturale popolato da demoni.

Non tutti i fenomeni paranormali però passano inosservati:

quando una serie di strani omicidi comincia a turbare la quiete pubblica, il Dipartimento di Polizia crea una sezione per investigare sui misteriosi avvenimenti.

Lo scettico detective Kure e il suo eccentrico collega, Sagisaka, si troveranno ad indagare insieme sulle tracce di un enigmatico individuo comparso su un luogo del crimine.

I due non immaginano che dietro a tutto si cela un piano molto più grande.

Il malvagio Eko intende soggiogare la città che un tempo amava e ripulirla dalla sua depravazione.

Un guerriero in armatura, Karas, si erge a difesa della città.

mission impossible rogue nation 2

Mission: Impossible – Rogue Nation di McQuarrie va in onda su Italia 1 con Lavagnino ed Angrisano

Mission: Impossible – Rogue Nation il film del 2015 diretto da Christopher McQuarrie va in onda domenica 3 aprile su Italia 1 alle 21.20.

Mission: Impossible – Rogue Nation è il quinto film della serie Mission: Impossible

con protagonista Tom Cruise nei panni dell’agente della IMF Ethan Hunt.

Tra gli altri interpreti del film figurano Jeremy Renner, Simon Pegg, Rebecca Ferguson, Ving Rhames e Alec Baldwin.

Andrea Lavagnino è la voce italiana di  Sean Harris che nel film è Solomon Lane.

Alberto Angrisano è la voce italiana di Jens Hultén che nel film è Janik “Dottore delle Ossa” Vinter.

In Mission: Impossible – Rogue Nation l’agente dell’MF Ethan Hunt è alle prese con una nuova missione.

Dopo essere venuto a conoscenza dell’acquisto di gas nervino da parte di un gruppo di terroristi, decide di

distruggere la nuova attività criminale internazionale chiamata il Sindacato, fino ad allora ignota alla CIA.

Ethan scopre ben presto che il Sindacato non è una semplice organizzazione, bensì un gruppo addestrato di spie rinnegate che hanno intenzione di riscattarsi creando un nuovo programma che intimorisca la civiltà.

L’IMF al momento è però senza segretario in carica e perciò è costretta ad unirsi alla CIA, che taglia fuori alcuni membri, fra cui lo stesso Ethan.

Consapevole della presenza di numerosi uomini dei servizi segreti che lo vogliono morto, Hunt si trova a dover fuggire a agire autonomamente.

Raggruppa così una squadra servendosi dell’aiuto del collega William Brendt e della spia Isla Faust. Potrà inoltre fare affidamento su Benji Dunn, già suo compagno di avventure in passato.

L’operazione inizia con grandi difficoltà, dovute soprattutto alla mancanza di fondi, con pericoli dietro ogni angolo.

Per poter riabilitare il proprio nome, Hunt dovrà pertanto sventare quanto prima i piani criminali del Sindacato, dimostrando la propria lealtà verso la giustizia.

 

Le riprese del film sono cominciate nell’agosto 2014 a Vienna, e si sono poi spostate a inizio settembre in Marocco.

A fine settembre la produzione si è spostata in Inghilterra, dove Tom Cruise è stato visto appeso all’esterno di un Airbus A400M in volo senza l’ausilio di una controfigura,

ed è stato costretto a ripetere la scena per ben otto volte.

Le riprese sono terminate a marzo 2015.

Mission: Impossible – Rogue Nation ha ricevuto:

nel 2016 allo Screen Actors Guild Awards Candidatura per le migliori controfigure

nel 2015 al Critics’ Choice Movie Award  Candidatura per il miglior film d’azione

Candidatura per il miglior attore in un film d’azione a Tom Cruise

Candidatura per la miglior attrice in un film d’azione a Rebecca Ferguson

 

 

cera-una-volta-a-hollywood

C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino con la voce di Lavagnino in onda su Rai 2

C’era una volta a… Hollywood è un film del 2019 scritto, diretto e co-prodotto da Quentin Tarantino in onda su Rai 2, in prima visione,  giovedì 31 marzo ore 21.20.

c era una volta ad hollywoodh Il cast di C’era una volta a… Hollywood  è composto da: Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Al Pacino, Timothy Olyphant, Emile Hirsch, Zoe Bell, Dakota Fanning,

Kurt Russell, Damian Lewis, Michael Madsen, Luke Perry, Julia Butters, Clifton Collins Jr.,

Scoot McNairy, Nicholas Hammond, Maurice Compte, Damon Herriman, Lew Temple, Margaret Qualley, Spencer Garrett,

Austin Butler, Mike Moh, Rafal Zawierucha, Lena Dunham.

Andrea Lavagnino è la voce italiana di Timothy Olyphant che nel film è James Stacy.

La Distribuzione di C’era una volta a… Hollywood è a cura di Sony Pictures Italia/Warner Bros. Pictures Italia

Quentin Tarantino firma anche la sceneggiatura di C’era una volta a… Hollywood

La fotografia è di  Robert Richardson mentre il montaggio è di Fred Raskin.

Il film è una produzione Heyday Films, Sony Pictures Entertainment (SPE).

 

Rick Dalton (Leonardo DiCaprio) è un attore con alle spalle il successo arrivato grazie a una serie televisiva western degli anni Cinquanta e una serie di film azzeccati, la cui carriera forse è finita.

Riceve l’offerta di un produttore di recitare in uno spaghetti western in Europa,ma, ritenendo il progetto non alla sua altezza, non sa se accettare.

Invece, Dalton accetterà la parte del villain in una nuova serie tv western.

Al suo fianco c’è sempre Cliff Booth (Brad Pitt), che è qualcosa di più del suo stuntman: è anche un autista, e un assistente factotum, e in fondo anche il suo unico vero amico.

Cliff abita in un roulotte assieme al suo pibull, ma passa buona parte del suo tempo a casa di Rick, che si trova in Cielo Drive, sulle colline di Bel-Air:

una villa che si trova proprio al fianco di quella da poco presa in affitto dal regista Roman Polanski e da sua moglie, la bellissima attrice Sharon Tate (Margot Robbie).

Le vicende di Rick e Cliff e quelle di Sharon Tate procederanno in parallelo, fino a quando si incroceranno in maniera inaspettata proprio in una data fatidica.

 

Le riprese principali di C’era una volta a… Hollywood sono cominciate il 18 giugno 2018 a Los Angeles e si sono concluse il 1º novembre dello stesso anno.

Inizialmente, Richardson e Tarantino intendevano girare C’era una volta a… Hollywood  in 70 millimetri come col precedente The Hateful Eight, ma,

quando questa scelta si è dimostrata troppo costosa, hanno optato per la pellicola Kodak 35 millimetri in formato anamorfico, girando con macchine da presa e lenti Panavision.

La produzione ha dovuto dividere le riprese delle scene nella Hollywood Boulevard “riportata” al 1969 in due tempi,

dato che la camera di commercio di Hollywood non aveva dato il permesso di bloccare il traffico cittadino troppo a lungo:

quindi hanno girato prima  le scene riguardanti quattro dei sei isolati prescelti, mentre alcuni mesi dopo  quelle rimanenti due isolati.

 Dopo le paghe degli attori, le riprese a Hollywood Boulevard, comprese della ricostruzione scenografica dell’epoca, rappresentano la parte più  costosa di tutto il film.

Le scene ambientate a Cielo Drive non sono state girate nei veri luoghi del massacro perchè la casa di Sharon Tate e Roman Polanski è stata demolita nel 1994 e oggi al suo posto sorge una villa di dimensioni maggiori.

La casa di Rick Dalton, che nel film abita accanto ai Polanski, si trova invece in un’altra strada di Los Angeles.

Le scene di Bounty Law e Lancer sono state girate in parte al Melody Movie Ranch, che Tarantino aveva già usato per delle scene di Django Unchained (2012), e agli Universal Studios Hollywood.

Per la scena in cui Dalton arde vivi dei nazisti con un lanciafiamme in un film, DiCaprio ha dovuto far fuoco con un vero lanciafiamme contro delle controfigure opportunamente protette:

bloccato dall’agitazione, l’attore ha però dovuto aspettare che una controfigura gli dimostrasse di poter prendere fuoco senza rischi prima di riuscire a usare l’arma.

Il film viene definito un semi-realistico, alcune vicende sono state modificate rispetto alla storia reale.

Gli attori hanno dichiarato di aver partecipato alle audizioni senza sapere che ruolo avrebbero interpretato, vista la segretezza in cui era tenuta la sceneggiatura.

C’era una volta a… Hollywood  ha vinto 2 Premi Oscar 2020: Miglior Attore non protagonista per Brad Pitt e Miglior Scenografia.

Il film ha ottenuto 10 nomination ai Premi Oscar 2020 nelle seguenti categorie:

Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Attore Protagonista per Leonardo DiCaprio,

Miglior Attore Non protagonista per Brad Pitt, Miglior Sceneggiatura Originale, Miglior Scenografia, Miglior Fotografia, Migliori Costumi, Miglior Sonoro.

Presentato in anteprima nella Selezione Ufficiale del Festival di Cannes 2019.

Durante la cerimonia dei Golden 2020, Brad Pitt è stato premiato come Miglior attore non protagonista.

mission impossible fallout

Mission: Impossible – Fallout il film di McQuarrie con Cruise con le voci di Lavagnino e Borghetti su Italia 1

Mission: Impossible – Fallout, il film del 2018 diretto da Christopher McQuarrie, va in onda il 27 marzo alle 21.20 su Italia 1.

mission impossible fallout Mission: Impossible – Fallout  è il sesto  della serie Mission: Impossible con protagonista Tom Cruise nei panni dell’agente Ethan Hunt della IMF (Impossible Mission Force).

Tra gli altri interpreti Mission: Impossible – Fallout  ci sono:

Simon Pegg, Rebecca Ferguson, Ving Rhames, Alec Baldwin, Sean Harris e Michelle Monaghan, Henry Cavill, Wes Bentley,  Vanessa Kirby e Angela Bassett.

La sceneggiatura di Mission: Impossible – Fallout   è di Christopher McQuarrie e la produzione di J. J. Abrams, Tom Cruise, Christopher McQuarrie, Jake Myers.

Andrea Lavagnino è la voce italiana di  Sean Harris che nel film è Solomon Lane.

Giorgio Borghetti è la voce italiana di  Wes Bentley che nel film è Erik.

Ethan Hunt riceve a Belfast l’ordine di una nuova missione:

recuperare una valigia di plutonio e scovare i cattivissimi che vogliono metterci le mani sopra.

Sulle tracce di John Lark, il misterioso finanziatore del rapimento di uno scienziato anarchico ed esperto in armi nucleari, ritrova a Berlino i compagni di sempre:

Benji e Luther, a cui salva la pelle compromettendo la missione.

E adesso tocca riparare, lanciandosi sul cielo di Parigi per smascherare Lark e incontrare la Vedova Bianca, un’intermediaria sexy e letale.

Come a ogni missione, niente andrà come previsto.

 

Le riprese di Mission: Impossible – Fallout sono iniziate l’8 aprile 2017 a Parigi.

Cruise ha seguito un intenso training in Texas per imparare a pilotare un elicottero, insieme a Tim McAdams, capo pilota degli Airbus Helicopters, la società che ha fornito il velivolo per il film.

La scena in cui Tom Cruise si lancia da un aereo in skydive a oltre settemila metri di altezza sopra Parigi a una velocità di 350 km/h è stata girata centosei volte,

dall’attore stesso senza stuntman, per avere le tre inquadrature che compongono la scena.

Nell’agosto 2017 durante una scena di Mission: Impossible – Fallout ambientata sui tetti di Londra, Tom Cruise saltando tra due palazzi si è rotto una caviglia.

Cruise ricorda l’episodio così:

Era una frattura complessa. All’inizio i medici hanno detto che ci sarebbero voluti nove mesi per guarire.

Ma io mi sono impegnato al massimo, sottoponendomi a terapia ed esercizi per 10 – 12 ore al giorno, e dopo sei settimane ero di nuovo sul set.

Dopo 10 settimane ero in grado di correre di nuovo, lentamente, ma dopo 12 settimane, saltavo.

Dopo aver passato due giorni a saltare sul tetto della stazione ferroviaria di Blackfriars, non ho potuto camminare per tre giorni”.

Sono stati utilizzati 13 elicotteri in Mission: Impossible – Fallout per spostare la troupe attraverso le montagne.

Lo scontro finale tra Hunt e Walker è stato girato sul Preikestolen in Norvegia, un piccolo altopiano che scende lungo 600 metri in un fiordo.

Cruise è stato il primo attore di un grande film di Hollywood a lanciarsi all’esterno di un Boeing C-17 Globemaster III da un’altezza di 7 chilometri per un salto HALO (High Altitude Low Opening).

Al termine delle riprese, a febbraio 2018, l’unità di skydiving è partita per Abu Dhabi per iniziare l’addestramento con Tom Cruise,

a cui era stato richiesto di effettuare un minimo di 100 lanci prima di girare la sequenza con la tecnica HALO.

Inoltre Cruise e Walker dovevano imparare a usare l’ossigeno nei voli ad alta quota.

A un’altezza di 8.000 metri Cruise e Cavill hanno dovuto necessariamente indossare dei caschi,

ma quelli standard coprono solo la faccia quindi il dipartimento degli attrezzi di scena ha dovuto realizzare un casco speciale in collaborazione con Hewitt.

 “Solo i militari possiedono l’attrezzatura speciale per l’approvvigionamento di ossigeno”,

ha spiegato l’esperto di skydiving.

“Il loro equipaggiamento salvavita è ideato per l’arrivo ad alta quota.

Non è specifico per la caduta libera quindi abbiamo dovuto ideare noi l’attrezzatura che garantisce la fornitura di ossigeno. 

Abbiamo ideato un casco totale completamente inedito”.

 

unfaithful - l'amore infedele

Unfaithful – L’amore infedele di Adrian Lyne con  Diane Lane e Richard Gere va in onda su Rai 2

Unfaithful – L’amore infedele, il film del 2002 diretto e prodotto da Adrian Lyne con protagonisti  Diane Lane e Richard Gere, va in onda  giovedì 24 marzo alle 21.20 su Rai 2.

unfaithful - l'amore infedeleUnfaithful – L’amore infedele è il remake di Stéphane, una moglie infedele di Claude Chabrol.

La sceneggiatura è di Alvin Sargent, William Broyles Jr.

Al fianco di Diane Lane e Richard Gere in  Unfaithful – L’amore infedele  ci sono:

Olivier Martinez, Erik Per Sullivan, Chad Lowe, Kate Burton, Margaret Colin, Erich Anderson, Dominic Chianese, Myra Lucretia Taylor,

Michelle Monaghan, Larry Gleason, Anne Pitoniak, Frederikke Borge, Russell Gibson, Maria Gelardi, Les Shenkel, Lisa Emery,

Michael Emerson, Geoffrey Nauffts, Joseph Badalucco Jr., Zeljko Ivanek, Gary Basaraba

La distribuzione del film è curata da Medusa Film mentre la produzione è di Fox 2000 Pictures, Regency Enterprises.

Christian Iansante è la voce italiana di Olivier Martinez che nel film è Paul Martel mentre Angelo Maggi è la voce italiana di Erich Anderson che nel film è Bob Gaylord.

 

Unfaithful – L’amore infedele  Racconta la storia di una coppia che vive nella periferia di New York City il cui matrimonio va pericolosamente storto

quando la moglie si abbandona a una relazione con un giovane che incontra per caso.

Il film ha incassato 52 milioni di dollari in Nord America e 119,1 milioni di dollari in tutto il mondo.

Nonostante le recensioni contrastanti nel complesso, Diane Lane ha ricevuto molti elogi per la sua interpretazione.

Ha vinto premi come migliore attrice dalla National Society of Film Critics e New York Film Critics ed ha ricevuto una nomination  per un Golden Globe e un Premio Oscar come migliore attrice.

 

Le riprese principali sono iniziate il 22 marzo 2001 e si sono concluse il 1 giugno 2001 con Lyne che girava in continuità quando possibile.

Il film è stato girato principalmente a New York City.

Durante la sequenza della tempesta di vento in cui Connie incontra Paul per la prima volta, ha piovuto e Lyne ha utilizzato le condizioni meteorologiche nuvolose per le scene di strada.

Il regista ha anche preferito girare interni pratici in esterni in modo che gli attori potessero “sentire un intimo senso di appartenenza”, ricorda Biziou.

 

In una scena che si svolge in un ufficio, il regista l’ha riempita di fumo, un effetto che “rende i colori meno contrastati, più tenui”.

Il fumo si convogliava per 18-20 ore al giorno e Gere ricorda:

Ci stavano soffiando la gola. Avevamo un dottore speciale che era lì quasi tutto il tempo che riempiva le persone con antibiotici per le infezioni bronchiali.”

Lane ha acquisito una bombola di ossigeno per resistere al programma rigoroso.

 

Il film ha molte scene di sesso esplicito, incluso un appuntamento nel bagno di un ristorante e uno scambio appassionato nel corridoio di un condominio.

Le riprese ripetute di Lyne per queste scene erano impegnative per gli attori, specialmente per Lane, che doveva essere emotivamente e fisicamente in forma per le scene.

Martinez non era a suo agio con la nudità e Lane ha detto che Lyne girava spesso un intero rullino di film, “quindi una ripresa durava fino a cinque riprese. Alla fine, sei fisicamente ed emotivamente distrutto”

Lane non aveva incontrato Martinez prima delle riprese e non si sono conosciuti bene durante le riprese, rispecchiando il rapporto tra i loro personaggi.

Quattro settimane intere del programma sono state dedicate alle scene nel loft di Paul, che si trovava al terzo piano di un edificio di sei piani situato in Greene Street.

Biziou usava spesso due telecamere per le scene intime del film per ridurre il numero di riprese da girare.

quasi amici

Quasi Amici di Olivier Nakache e Éric Toledano con la voce di Angelo Maggi in onda stasera su Canale 5

Quasi Amici è  il film francese diretto da Olivier Nakache e Éric Toledano diventato un cult in tutto il mondo, che va in onda stasera su Canale 5 alle 21.20.

quasi amiciIl cast di Quasi Amici è composto da:  François Cluzet, Omar Sy, Anne Le Ny, Audrey Fleurot, Clotilde Mollet, Alba Gaïa Kraghede Bellugi.

Angelo Maggi è la voce italiana di François Cluzet che nel film è Philippe Pozzo di Borgo

Quasi Amici, tratto dalla vera storia di Abdel Yasmin Sellou e di Philippe Pozzo di Borgo,

racconta del rapporto di amicizia tra Philippe e Driss, rispettivamente un anziano signore tetraplegico e un ragazzo appena uscito di prigione.

Driss, nella ricerca di un lavoro, diventa il badante di Philippe e l’incontro tra i loro due mondi lontanissimi farà nascere una grande amicizia.

Quasi Amici è diventato il secondo film francese di maggior successo di tutti i tempi (dopo il film del 2008 Giù al nord) arrivando a quota 166 milioni di dollari.

Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d’Argento, ha vinto un premio ai David di Donatello, 1 candidatura a Golden Globes,

1 candidatura a BAFTA, 8 candidature e vinto un premio ai Cesar, 1 candidatura a Critics Choice Award.

In Italia al Box Office Quasi amici ha incassato 14,9 milioni di euro .

La storia la racconta   Philippe nel libro del 2001 Le second souffle sul quale si basa la sceneggiatura del film.

I veri protagonisti della storia, Philippe Pozzo di Borgo e il suo aiutante Yasmin Abdel Sallou di origini algerine,

descritti precedentemente da un documentario francese d’ispirazione per i due autori del film del 2011, hanno lavorato fianco a fianco con i due interpreti dei loro personaggi:

in particolare, François Cluzet ha osservato da vicino Philippe Pozzo di Borgo per riprendere al meglio i piccoli movimenti della testa consentiti dalla sua malattia.

La vita dei due personaggi principali è cambiata davvero dopo il loro felice incontro.

Philippe Pozzo vive in Marocco dove ha una famiglia con due figli ed è ancora legato da profonda amicizia con Abdel Sallou

 

Il nostro incontro è stato un miracolo – ha dichiarato in un’intervista Abdel –

Insieme abbiamo ribaltato le cose: io con l’incoscienza dei miei vent’anni l’ho costretto a uscire di casa, gli sono stato complice in stravaganti esperienze,

lui ha fatto di me un uomo vero, è stato la mia coscienza, mi ha dato un futuro.

 Philippe per me è stato come il maestro Jedi di Guerre Stellari, che combatte al tuo fianco e ti insegna quello che devi fare.

Altro che Quasi amici, come dice il titolo italiano del film: in realtà lui è ben più che un amico per me, perché è anche un padre, un maestro, il mio angelo”.

 

Hanno realizzato nel 2016 un remake di produzione argentina intitolato Inseparables, diretto da Marcos Carnevale, con protagonisti Oscar Martinez e Rodrigo de la Serna.

Sempre nel 2016 un ulteriore un remake di produzione indiana intitolato Oopiri, diretto da Vamsi Paidipally.

Nel 2017invece, hanno girato un adattamento statunitense intitolato Sempre amici. Il film è diretto da Neil Burger con protagonisti Bryan Cranston e Kevin Hart.

 

tomorrowland- il mondo di domani

“Tomorrowland – Il Mondo di domani”di Brad Bird con George Clooney e Britt Robertson su Italia 2

“Tomorrowland – Il Mondo di domani”, il film diretto da Brad Bird e scritto da Damon Lindelof, con George Clooney e Britt Robertson, va in onda martedì 22 marzo su Italia 2.

tomorrowland- il mondo di domani Il cast completo di  “Tomorrowland – Il Mondo di domani” è composto da :

Kathryn Hahn, Lochlyn Munro, George Clooney, Hugh Laurie, Chris Bauer, Britt Robertson, Judy Greer,

Tim McGraw, Pierce Gagnon, Keegan Michael Key, Shiloh Nelson , Michael Rowe.

Christian Iansante è la voce italiana di Tim McGraw che nel film è Eddie Newton.

Legati da un destino comune Casey, un’adolescente brillante e con una spiccata curiosità scientifica, e Frank,

un inventore geniale ormai disincantato e pessimista, si imbarcano in una missione colma di pericoli alla scoperta dei segreti di una enigmatica dimensione, situata in un imprecisato luogo spazio-temporale,

nota come “Tomorrowland”.

Un’impresa destinata a sconvolgere le vite dei due protagonisti.

Un caleidoscopico viaggio fantasciantifico con la nuova pellicola targata Walt Disney ispirata alla omonima attrazione creata da Walt Disney a Disneyland, nel 1955.

«Sembra un gran cinico, ma in fondo ha il cuore di un ragazzino  – dice George Clooney sul suo personaggio –

È per questo che va così d’accordo con Casey, l’entusiasta coprotagonista.

Proprio perché è sensibile non è riuscito a riprendersi dalla delusione quando i suoi ideali sono stati distrutti.

Si è rinchiuso nella sua casa ed è diventato una sorta di recluso.

Ma Casey gli darà l’occasione per riscattarsi».

 

Le riprese di  “Tomorrowland – Il Mondo di domani” iniziano il 19 agosto 2013 ad Enderby, nella Columbia Britannica del Canada, per poi spostarsi a Vancouver e Surrey.

Nell’ottobre seguente le riprese si svolgono nella Città delle arti e delle scienze di Valencia.

Nel mese di novembre invece, alcune sequenze vengono riprese al Walt Disney World Resort ed alla New Smyrna Beach, entrambi nella Florida.

Le riprese terminano il 15 gennaio 2014, ma il 5 febbraio vengono effettuate delle riprese aggiuntive, senza gli attori protagonisti,

all’interno dell’attrazione It’s a Small World del Disneyland della California.

 

L’immaginifica città di Tomorrowland non è tutta farina dei disegnatori della Disney.

 «Sarebbe stato pazzesco inventarsi da zero un’intera città!» spiega il regista Brad Bird.

«Così ci siamo messi alla ricerca di un luogo reale che potesse fare da base.

E lo abbiamo trovato in Spagna, a Valencia: è la Città delle arti e delle scienze progettata dal grande architetto Santiago Calatrava».

Gli effetti speciali e il computer hanno fatto il resto, aggiungendo tra l’altro una gigantesca rotaia sospesa che attraversa la città.

Alcune scene di  “Tomorrowland – Il Mondo di domani” hanno un set davvero speciale: la rampa di lancio numero 39 di Cape Canaveral,

in Florida, quella da cui sono partite tutte le missioni Apollo.

Dice Brad Bird:

«La cosa più bella è che abbiamo ottenuto di osservare il lancio del Maven, la sonda che ha raggiunto Marte nel 2014, da una postazione ancora più vicina a quella riservata ai giornalisti».

Il film è uscito al cinema nel 2015 e ha incassato 209 milioni dollari in tutto il mondo, di cui 93,4 incassati nel mercato statunitense.

Il film in Italia ha incassato circa 3,2 milioni di euro.